Tra gli autori e scrittori che quest’anno sono tornati al Tocatì per rimettersi in gioco e raccontare le proprie “fatiche”, oggi in Biblioteca Civica era presente anche Mauro Covacich.

Lo scrittore Mauro Covacich ci ha raccontato di maratoneti integerrimi, compromessi dalle passioni, ovvero dall’amore e da tutta la batteria di fragilità che permette e compie. Il suo romanzo “A perdifiato”, rieditato da La Nave di Teseo, affresca “l’umiliazione delle stelle”, il senso di colpa che affligge tutti, anche chi sembra avere una vita “riuscita”.

 

Guarda l’intervista a Mauro Covacich: