Tecnologia, educazione e innovazione: la sfida di AlternaLab
AlternaLab è un progetto di PCTO di nato grazie alla collaborazione di Verona FabLab con Megahub di Schio e realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariverona. Questo progetto ha visto protagonisti circa 300 alunni, 13 scuole e 20 aziende tra il territorio di Verona e di Vicenza.

In questi anni è stata creata una forte partnership tra le scuole e le aziende del territorio che ha visto i FabLab come luoghi di apprendimento informale a disposizione della comunità, in grado offrire dei percorsi innovativi di alternanza scuola lavoro. I due FabLab in questione si sono messi a disposizione con spazi, tecnologie e tutor per offrire percorsi di apprendimento in cui la teoria e la pratica si sono incontrati, sperimentando processi utili alla formazione professionale individuale, a fianco di aziende con la voglia di mettersi in gioco in maniera innovativa.

Verona FabLab a Verona e Megahub a Schio si sono posti come intermediari tra i componenti dell’alternanza scuola lavoro aprendo le porte agli studenti e alle aziende, mettendo a disposizione un’organizzazione, prima ancora di uno spazio fisico, per far sposare le esigenze degli studenti, delle scuole e delle aziende. Le parole chiave per tutta la durata del progetto sono state collaborazione, multidisciplinarietà e partnership. I ragazzi coinvolti, provenienti da licei, istituti professionali e istituti tecnici nella prima fase hanno seguito dei percorsi formativi in diversi ambiti (Internet of Things, robotica, comunicazione e media, sartoria digitale, artigianato digitale) mentre nella seconda fase hanno collaborato in team per risolvere dei problemi aziendali reali, simulando ciò che avviene in una vera e propria impresa. Grazie ai tutori di Verona FabLab e Megahub di Schio sono riusciti a creare dei prototipi funzionanti alla fine dei propri project work.

Durante il percorso alcuni ragazzi hanno partecipato alla 5^ edizione del concorso “Costruiamo il futuro con STM32 Open Development Environment” di STMicroelectronics, aggiudicandosi il primo posto nella categoria Italia settentrionale e centrale con il progetto “Medicine WIFI”, una sveglia intelligente che, oltre a ricordare i farmaci e gli orari in cui assumerli, eroga direttamente i medicinali nell’orario stabilito. Grazie all’interfaccia collegata con lo studio, il medico può modificare direttamente la sequenza temporale delle pillole da assumere, intervenendo sul settaggio degli orari e sull’associazione delle pillole all’ora dovuta.

Ma che cos’è un FabLab?
Un FabLab è un laboratorio di fabbricazione digitale in cui creatività, tecnologia e passione si incontrano per dar vita alle proprie idee e aspirazioni, un laboratorio equipaggiato con macchinari per la prototipazione digitale (stampanti 3D, taglio laser etc) e strumenti utili per l’autoproduzione. Verona FabLab è un’associazione privata, senza scopo di lucro, fondata nel 2014 e diventata Impresa Sociale da poco. La forza di Verona FabLab risiede nella sua capacità di fornire istruzione formale e non formale e di avvicinare giovani e adulti alla tecnologia con l’obiettivo di renderli “produttori consapevoli” e non “consumatori passivi” (www.veronafablab.it).

Articolo precedenteFortunata Pizzoferro: «La nostra vita in parcheggio per mesi»
Articolo successivoPorta a porta in Lessinia: raddoppiata la raccolta differenziata, rifiuto secco ridotto del 60%