Hermes Bianchetti Banca Valsabbina
Hermes Bianchetti

Banca Valsabbina è stata fondata nel 1898 a Vestone (BS) e da oltre 120 anni supporta la crescita e lo sviluppo economico del territorio bresciano e di quelli in cui ha progressivamente esteso la propria attività, sostenendo famiglie, artigiani, piccole attività economiche e PMI. Opera attraverso una rete territoriale che conta 70 filiali dislocate in Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte e Trentino Alto Adige. Oggi conta circa 780 dipendenti, gestisce masse superiori agli 11 miliardi di euro e vanta un solido patrimonio, con il CET 1 Ratio pari a circa il 15%. «Il compito primario di una banca è quello di garantire un supporto finanziario al territorio di riferimento – spiega Hermes Bianchetti, responsabile Divisione Business di Banca Valsabbina – ma nell’attuale contesto è necessario abbinare a questa mission anche altre attenzioni legate alle tematiche di sostenibilità sociale ed ambientale».

In questo scenario, la banca opera per ridurre l’impatto ambientale della propria attività, anche attraverso l’efficientamento dei consumi energetici, l’attenzione nella scelta dei materiali di consumo, un progetto di digitalizzazione paperless per ridurre sempre maggiormente l’utilizzo di carta e un’attenzione particolare allo smaltimento dei rifiuti ed alla raccolta differenziata.

«L’impegno della banca si palesa attraverso azioni concrete: tra queste ci soffermiamo spesso sul progetto di digitalizzazione delle comunicazioni cartacee che, per immediatezza, rappresenta con facilità l’impegno della banca in questo processo di transizione ecologica ad ampio raggio. Infatti, prima della pandemia – spiega Bianchetti – l’85% delle nostre comunicazioni era in formato cartaceo; oggi invece il 90% è prodotto in formato digitale con un notevole beneficio ambientale in termini di minor carta prodotta. Inoltre, abbiamo sviluppato sinergie strategiche e commerciali con realtà fintech, affiancando alla nostra natura di Banca tradizionale le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Tale strategia, oltre a renderci competitivi sul mercato intercettando nuove opportunità, consente, proprio attraverso la digitalizzazione di parte dei servizi, di ridurre ulteriormente il nostro impatto ambientale, facendo divenire la “sostenibilità” non solo un concetto o un’intenzione, ma un elemento che guida e orienta la nostra attività» conclude Hermes Bianchetti.

banner-gif
Articolo precedenteLa sostenibilità nel DNA delle imprese artigiane
Articolo successivoLa responsabilità sociale d’impresa all’origine della sostenibilità