Un’ottima Pasqua quella che si è appena conclusa, con un buon tasso di prenotazioni e con ottimistiche previsioni per l’estate in arrivo, come confermato anche dai dati forniti da H-Benchmark, la piattaforma di Hospitality Data intelligence che riceve dai Pms le metriche delle prenotazioni, le aggrega e restituisce in tempo reale una serie di indicatori di performance. «Per il periodo che va dal 15 aprile al 15 maggio 2022, l’occupazione delle camere era prevista attorno al 43,3% – afferma il Presidente di Federalberghi Garda Veneto Ivan De Beni – con un picco del 75% nei giorni di Pasqua, su un campione di 61 strutture per un totale di 1925 camere. Le previsioni fino al 31 ottobre sono di un’occupazione del 38,8%».

Le presenze pasquali sono state rappresentate per lo più da stranieri di nazionalità tedesca (54,9%), seguiti dagli italiani (20,4%), che dalla pandemia stanno cominciando a riscoprire il turismo di prossimità e mete all’interno dei confini nazionali. I flussi interni stanno perciò assumendo un’importanza strategica, molto più che in passato. «C’è stato un buon tasso di prenotazioni per la primavera e siamo ottimisti per l’estate – prosegue De Beni – perché il mercato si sta muovendo, pur confermando la tendenza alla prenotazione a breve distanza dall’arrivo. È ripreso il flusso dai paesi di lingua tedesca, cioè la quota più consistente del tradizionale bacino d’utenza del nostro territorio e stanno tornando gli inglesi. Siamo fiduciosi che le prenotazioni scritte sin qui non saranno cancellate, perché l’inversione di tendenza c’è. Semmai qualche cambiamento potremo registrarlo rispetto ai consumi sul territorio, poiché i continui rincari cui queste settimane ci hanno abituato potrebbero incidere sulla capacità, o sulla volontà, di spesa dei turisti una volta arrivati a destinazione».

Tuttavia l’effettivo aumento del costo della vita a livello nazionale non ha bloccato i flussi dei vacanzieri sul litorale gardesano, tanto che il Garda si conferma come la prima meta turistica della Regione post pandemia, dopo che nel 2021 si era collocato come meta turistica veneta con il maggior numero di presenze. «Come Associazione di categoria – sottolinea il Presidente De Beni – abbiamo invitato a mantenere il listino in vigore nel 2019. In prospettiva inoltre stiamo lavorando per rendere il brand sempre più solido, studiando anche nuove strategie di marketing che possano invertire la tendenza a prenotare le ferie sempre più a ridosso dell’evento. L’obiettivo, cioè, è recuperare almeno in parte quelle percentuali di programmazione di anno in anno che erano ancora possibili fino a non molto tempo fa».

Gallery

In questo senso, l’Associazione ha sempre cercato di fornire, in particolare con l’inizio della pandemia da Covid-19, soluzioni reali sia per i Soci che per turisti e collaboratori per dare risposte concrete alle necessità del momento. Dall’erogazione di manuali di accoglienza sicura alla polizza Care4uhotel, ritagliata in base alle esigenze della categoria e degli ospiti. Si tratta di un programma assicurativo che copre le penali di annullamento e interruzione applicate dalla struttura ricettiva. Può essere proposta al cliente, in fase di prenotazione ad un costo vantaggioso, pari al 4,8% del soggiorno, o può essere inclusa nel prezzo della vacanza. Nel maggio 2020, Federalberghi Garda Veneto ha stipulato una importante convenzione con l’Ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda che ha garantito a titolari, familiari e collaboratori delle strutture alberghiere associate, in via esclusiva e ad un prezzo agevolato, l’esecuzione del test diagnostico di tipo sierologico, importante per stimare la diffusione dell’infezione di una comunità e per evidenziare l’avvenuta esposizione al virus.

In questo periodo poi Federalberghi Garda Veneto sta implementando l’utilizzo del portale di prenotazione dell’Associazione e il sito dedicato al turismo Outdoor. Per quanto riguarda l’Outdoor, questa modalità di passare le proprie vacanze si sta consolidando sempre di più negli scenari turistici attuali. L’Italia si conferma in crescita in questo senso, con in più la particolare tendenza a privilegiare anche l’aspetto culturale dei percorsi. L’interesse di Federalberghi Garda Veneto a favore della valorizzazione della vacanza a contatto con la natura e della conoscenza del territorio è stato dimostrato in più occasioni. In particolare, nel 2013 l’Associazione, in collaborazione con le Associazioni territoriali e i Comuni, ha lanciato sul web il circuito Bike Trekking Lago di Garda (www.bike-trekking-lagodigarda.it) che offre gratuitamente i tracciati di alcuni percorsi per trekking e mountain bike presenti tra le rive del lago e l’immediato entroterra, con indicazioni relative la lunghezza dei percorsi, i dislivelli, i tempi di percorrenza e foto rappresentative.
Il portale è in fase di profondo aggiornamento, grazie alla consulenza del dott. Maurizio Marogna, giornalista ed esperto di territorio; a 4Land, azienda bolzanina leader nel settore della cartografia turistica e al contributo fotografico dello sponsor Sportler.

Il portale di prenotazione online riservato ai soci di Federalberghi Garda Veneto è invece Gardapass Booking (https://www.gardapass.com/index.cfm/it/). Il sito rappresenta per le strutture ricettive un ulteriore canale di distribuzione per ottenere una maggiore visibilità, con supporto tecnico, area extranet e assistenza dedicata per le strutture che ne usufruiscono, compresi gli Uffici di Informazione Turistica (Iat), che lo utilizzano per le vendite da front office.

Contacts

Federalberghi Garda Veneto
Via San Bernardo, 137
37016, Garda (VR)
Tel: 045 6270404
www.federalberghigardaveneto.it

banner-gif
Articolo precedenteLe Monte Bianco pronte per il “VI Trofeo Verona Sincro”
Articolo successivoBaldo-Lessinia, cresce l’offerta turistica grazie ai progetti chiave del GAL