Da sinistra: Anna, Andrea, Gina, Fabio, Aldrovando e Federico Canteri (foto di Marco Malvezzi)

Sabato 19 giugno, a Bosco Chiesanuova, davanti a una folla entusiasta di persone, è stato inaugurato il nuovo caffè bistrot che si affaccia sulla piazza della chiesa. Una riqualificazione attenta ed elegante che restituisce pregio e valore all’intero paese e che nasce proprio nei locali dove, nel 1948, cominciò l’attività di famiglia Canteri (oggi proprietaria di cinque supermercati e una pasticceria ubicati a Verona e provincia) con il piccolo negozio di frutta e verdura. 

Un gesto d’amore nei confronti della comunità di Bosco Chiesanuova in cui tutto ebbe inizio, 73 anni fa, e in cui ancora oggi la famiglia Canteri ha deciso di rimanere e di dare casa ai propri affetti. Sabato 19 giugno ha aperto le porte Frac Caffè Bistrot (“Frac” sta per “Fratelli Canteri”, ndr), una nuova attività posizionata proprio in centro paese, all’angolo tra Piazza del Borgo e Piazza Vittorio Veneto, con uno sguardo che si affaccia direttamente su Piazza della Chiesa.

Frac Caffè Bistrot nasce proprio in quei locali dove nel lontano 1948 Angelo Canteri e la moglie Carmela aprirono la prima bottega di frutta e verdura del paese, portata avanti negli anni successivi dal figlio Aldrovando assieme ai fratelli e successivamente con la moglie Gina, e poi dai loro figli Andrea, Anna, Fabio e Federico, oggi titolari assieme ai genitori di ben cinque supermercati e una pasticceria dislocati a Verona e provincia.

«In questo momento storico, segnato anche dall’emergenza Covid, abbiamo tutti bisogno di segnali positivi e di testimonianze di ripartenza. – spiega Fabio Canteri – L’idea di dare nuova vita a dei locali, in parte già di nostra proprietà e in parte acquisiti, dove ebbe inizio la storia imprenditoriale della nostra famiglia, a partire dai nostri nonni, ci riempie di orgoglio e abbiamo ritenuto che fosse importante fare una scelta di questo tipo proprio in questo momento».

Foto di Elia Canteri

Un restyling apprezzato dalla comunità di Bosco (accorsa numerosa per il taglio del nastro) che comprende l’intera palazzina che si affaccia, come dicevamo, su Piazza della Chiesa e che restituisce valore anche al paese stesso, come sottolineato dal sindaco Claudio Melotti, presente con il nastro tricolore all’inaugurazione del locale.

«Era da un po’ di anni che avevamo in mente di creare qualcosa di nuovo che potesse contribuire ad abbellire il paese. – aggiunge Andrea Canteri – Con l’apertura di questo caffè bistrot pensiamo di dare un bel servizio, complementare ad altri già presenti in paese, per le persone, italiane e straniere, che vengono in Lessinia per turismo o per semplici momenti di relax».

Il nuovo locale ha una superficie di circa cento metri quadri ed è aperto in questa fase stagionale sette giorni su sette, dalle 7 alle 23 e fino alle 24 il venerdì e il sabato.

Foto di Elia Canteri

«Partiamo al mattino con le colazioni, con brioches e monoporzioni di nostra produzione con ingredienti selezionati, e poi ci spostiamo nell’arco della giornata verso il salato. – prosegue Fabio – A pranzo proponiamo la nostra pizza, con impasto lievitato almeno 36 ore, e una selezione di vini particolare. La sera aperitivi e ancora pizza e cicchetti».

«Tutti i prodotti che proponiamo alla clientela sono selezionati e sono frutto di un’attenta ricerca. – aggiunge Andrea – Il latte che usiamo, ad esempio, è latte bio della Lessinia. Il pay off del nuovo locale è lo stesso dell’azienda e di tutti i nostri supermercati e pasticceria: “Qualità e cortesia”.

Nel nuovo caffè sono stati utilizzati materiali pregiati, dalla pietra della Lessinia, al ferro crudo e al legno come rivestimento principale.

«Siamo attenti anche alla sostenibilità ambientale. – conclude Fabio – L’acqua che utilizziamo, ad esempio, è filtrata con appositi sistemi per evitare lo spreco di bottiglie di plastica o vetro, e alcune delle birre che proponiamo vengono spillate con un innovativo sistema che non utilizza Co2 e gli stessi fusti sono in Pet riciclabile».

La famiglia Canteri non è nuova a investimenti imprenditoriali che siano al contempo attenti al contesto socio economico del territorio. Già nel 2016, con la realizzazione del nuovo supermercato Frac a Stallavena, avevano riqualificato un’area degradata, caratterizzata da un incrocio pericoloso sostituito a loro spese da una confortevole e più sicura rotonda, e avevano dato lavoro a molte famiglie del posto.

«Il nostro obiettivo rimane tale anche per il nuovo caffè bistrot, – conclude Andrea – contribuire all’abbellimento del paese, in questo caso Bosco dove siamo nati, creando nuovi posti di lavoro che certamente non guasta. Cogliamo l’occasione per ringraziare tutte le persone che sono accorse il giorno dell’inaugurazione e che in queste prime settimane di attività ci hanno dimostrato il loro affetto e i loro attestati di stima. Per noi hanno un significato importante».

Frac Caffè Bistrot
Piazza Borgo, 9
37021 Bosco Chiesanuova VR
045 2523540
www.fracbistrot.it

Articolo precedenteStander Food, innovazione e alta tecnologia per il mondo della pizza
Articolo successivoGAL Baldo-Lessinia, la cooperazione per rilanciare il territorio