La pandemia ci ha restituito un mondo profondamente cambiato, che ha trasformato anche il nostro modo di usufruire i servizi e le prestazioni mediche. A fronte di un numero sempre maggiore di persone che richiedono l’accesso a esami e visite specialistiche, sono cresciuti anche il timore di recarsi in ospedale e la difficoltà ad accedere agli ambulatori per paura di contagi, movimentazioni dolorose e lunghe attese. A farne le spese sono soprattutto gli anziani e i più fragili, che in questi anni hanno preferito in molti casi rimandare o rinunciare alle cure per paura di esporsi al rischio. Una situazione diffusa, che ha messo sotto i riflettori l’importanza dell’assistenza domiciliare e della medicina di prossimità, quali leve virtuose da potenziare per rispondere alle esigenze di coloro che non sono autosufficienti o hanno difficoltà a muoversi da casa. 
 
Ma c’è chi, tra gli addetti sanitari, ha intuito questo bisogno molto prima dell’emergenza pandemica, promuovendo con lungimiranza da oltre 8 anni un servizio di radiologia a domicilio, dapprima sul territorio di Mantova e dal 2017 anche a Verona: sono i tecnici radiologi Leonello Viardi, Mario Viardi ed Elena Muraro, e il dott. Nicola Carlone. Quattro professionisti, ex colleghi della Fondazione Teresa Camplani “Casa di cura San Clemente” di Mantova con una solida specializzazione nel settore, che nel 2013 hanno deciso di costituirsi in società e di dare vita, tra i primi in Italia, a questo servizio con un approccio distintivo orientato alla persona.
 
“L’idea è nata da alcune esperienze di vissuto personale. Mia nonna aveva bisogno di effettuare una radiografia, ma non riuscivamo a convincerla ad andare in ospedale. E mia zia per una radiografia con esito negativo ha dovuto attendere cinque ore al pronto soccorso. C’è un aspetto psicologico a cui non si pensa spesso, ma che è rilevante per il benessere e per la salute del paziente. Ho iniziato a pensare che se avessi portato lo stesso servizio direttamente nelle loro case, avrebbero affrontato la visita con maggiore serenità. Ne ho parlato con mio padre Leonello e con i miei colleghi Elena e Nicola, e insieme abbiamo iniziato a dare forma a Home Ray” – afferma Mario Viardi.
 
Empatia, know-how, professionalità e innovazione tecnologica rappresentano gli elementi cardine della filosofia di Home Ray: “Dietro al servizio che offriamo ci sono prima di tutto delle persone con una sensibilità – afferma il dott. Carlone, direttore sanitario di Home Ray -. Capacità di ascolto, rispetto, utilizzo delle parole giuste, sono tutti aspetti su cui insistiamo molto e che cerchiamo di trasmettere ai nostri collaboratori durante la formazione. Ci avvaliamo di tecnici che siano in grado di spendersi non solo dal punto di vista professionale, ma anche umano, perché non basta essere bravi professionisti, nel nostro mestiere il concetto di cura non è scontato e fa la differenza”.

La pandemia ha contribuito a sdoganare ulteriormente il servizio e il passaparola tra le persone, che nel tempo si sono dimostrate sempre più propense ad effettuare esami diagnostici nella tranquillità delle loro case.
 
“A contattarci sono i figli, i nipoti e le badanti, ma anche gli anziani soli, che hanno saputo di noi. All’inizio c’era un po’ di diffidenza, ora c’è maggiore fiducia, le persone hanno compreso che dietro a questo servizio ci sono serietà e competenza – dichiara Elena Muraro –. Con l’assistenza a domicilio si evitano complicazioni e ricoveri e si sgrava lo Stato di costi rilevanti. L’obiettivo è offrire la stessa qualità e sicurezza delle strutture ospedaliere. E facilitare la vita delle persone, non solo dei pazienti ma anche dei caregiver che grazie al nostro servizio possono pianificare meglio il loro tempo”.
 
“In ambito medico e non solo, c’è ancora poca conoscenza sulla radiologia – afferma il dott. Carlone – che è invece uno strumento di diagnosi potentissimo e consente al medico di individuare la terapia in tempi rapidi”. 

Gallery

Alta specializzazione
Home Ray ha preferito mantenere un’unica specializzazione in diagnosi radiologiche, per poter garantire sempre la massima qualità e un servizio basato sulle competenze specifiche del team. Negli anni il gruppo si è allargato a nuovi collaboratori e a due informatori commerciali che operano sul territorio e dialogano con i medici di base. Home Ray ha inoltre all’attivo numerose collaborazioni in convenzione con strutture sanitarie e RSA di Mantova e Verona.
 
Come funziona il servizio
Una volta ricevuta la chiamata, a seguito di una prima anamnesi telefonica, viene fissato l’appuntamento. Nella data prestabilita il tecnico raggiunge il domicilio del paziente, approfondisce ulteriormente l’anamnesi e condivide con il medico radiologo la tecnica da utilizzare. Dopo aver messo in sicurezza la persona, effettua le radiografie e invia le immagini al medico per la refertazione. 
 
“Riceviamo solo richieste telefoniche a cui rispondiamo personalmente, prendendoci il tempo di fare tutte le domande necessarie ad inquadrare al meglio la condizione del paziente. Questo metodo ci consente di agevolare il lavoro del tecnico e del medico, a garanzia di un servizio efficace e mirato” dichiara Elena Muraro.
 
Prima di lasciare il domicilio, il tecnico affida al paziente una pennetta USB con le immagini consultabili dagli specialisti. Nel mentre, il medico effettua il referto, che può essere visualizzato dal paziente subito (cartaceo) o entro poche ore via email. Se il paziente non è autonomo nella consultazione delle email, il personale Home Ray si prende carico dell’invio della documentazione al medico di base. L’assistenza non si esaurisce con la visita a domicilio: i medici sono a disposizione del paziente per confrontarsi e fornire consigli. Per effettuare la radiografia è necessaria la richiesta di un medico, ma nei casi in cui il paziente necessiti di una consulenza, Home Ray mette a disposizione i propri specialisti per un approfondimento.

Innovazione tecnologica e radioprotezione 
Con l’obiettivo di perfezionare e ottimizzare il servizio, Home Ray ha scelto di puntare, con importanti investimenti, sulle tecnologie più avanzate e di dotarsi di una strumentazione radiologica di alta gamma per garantire la massima qualità.

Per quanto concerne gli aspetti della sicurezza in termini di radioprotezione, il personale Home Ray opera nel rispetto di linee guida rigorose: “I pazienti non corrono alcun rischio nell’effettuare una radiografia: la dose radiante certificata è molto bassa e la sicurezza offerta dalla radioprotezione è un aspetto che teniamo molto a sottolineare, perché c’è ancora molto timore e poca consapevolezza da parte delle persone” conclude Mario Viardi.
 
La partnership con Medici della Pace Onlus
Home Ray ha all’attivo anche una partnership con la Onlus scaligera Medici della Pace per supportare le persone senza tetto.

Contacts

HOME RAY
T. 348 4736118
www.homeray.it

banner-gif
Articolo precedenteBaldo-Lessinia, cresce l’offerta turistica grazie ai progetti chiave del GAL
Articolo successivoCompravendita, perché fare il preliminare dal notaio?