Onoblo

Nata da pochi mesi, Onoblo è la realizzazione di un grande impegno nel portare benessere e miglioramento all’interno del mondo del lavoro. Alla base la sinergia tra due professionalità apparentemente distanti: Federica Tozzi, medico psichiatra e coach professionista, e Alessandro Mazzi, informatico ed esperto di miglioramento di processo, fondatori della società. Colleghi prima, soci poi: Onoblo nasce dalla consapevolezza che l’unione di diverse competenze può dar vita a qualcosa di grande. «Fin dall’inizio della nostra collaborazione – racconta Federica Tozzi – abbiamo visto che la sinergia di questi due mondi fa davvero la differenza: facilita realmente la trasformazione nelle aziende, aiuta le persone a evolvere e a mettere in pratica miglioramenti sia a livello personale che a livello aziendale».

Onoblo si occupa infatti di trasformazione aziendale in senso lato: miglioramento, semplificazione, evoluzione della cultura aziendale,trasformazione in Società Benefit e trasformazione digitale, quest’ultima in particolare sempre più un’urgenza per le imprese. «Cresce sempre di più la richiesta, da parte delle aziende, di accompagnarle nella definizione dei loro percorsi di trasformazione digitale – racconta Alessandro Mazzi -. Noi non vendiamo nessun software o nessuna tecnologia, ma ci rendiamo conto che soprattuto nel panorama delle piccole e medie imprese del Nord-est, ci sono molte realtà che non hanno esperienza informatica sufficiente per accompagnare sia l’ecosistema tecnologico dell’azienda che le persone in questo impegnativo percorso. Spesso il rischio è quello di risolvere frettolosamente un problema contingente, ma senza farlo in una maniera strutturata, con un’analisi strategica opportuna. Lavoriamo per costruire delle roadmap di trasformazione: dei piani che permettano l’evoluzione. Soprattutto, seguiamo la trasformazione delle persone all’interno delle aziende nell’adozione di questi nuovi sistemi».

Non a caso il payoff di Onoblo è “Human Business Evolution”: l’obiettivo è accompagnare l’evoluzione delle aziende attraverso il lavoro con le persone, intervenendo sulle relazioni interpersonali e su quelle con il sistema azienda, soprattutto alla luce dei nuovi bisogni emersi dopo la fine della pandemia.

Onoblo, inoltre, nasce come Società Benefit e aiuta le altre aziende a raggiungere quest’obiettivo: una scelta prima di tutto valoriale, basata sul rispetto per le persone e per l’intero sistema società, ma sempre più richiesta anche in ambito finanziario. «Quello che cerchiamo di trasmettere – sottolinea Alessandro Mazzi – è che diventare Società Benefit non è solo mettersi addosso uno statuto che impegna nei confronti degli stakeholder a realizzare un impatto ecologico e sociale, non è solo piantare degli alberi: è piuttosto impegnarsi nei confronti degli azionisti, ma anche della società, nel realizzare effettivamente un effetto benefico sul territorio e sulle persone. Una pratica già diffusa in tante aziende del tessuto produttivo italiano, che ora si fa formale; sono tante infatti le realtà che da sempre portano ricchezza ai territori nei quali sono inserite e prestano costante attenzione al benessere dei dipendenti. È questo il modello imprenditoriale del futuro».

banner-gif
Articolo precedenteUno stile di vita sostenibile, a piccoli passi
Articolo successivoIl miglior momento per piantare un albero è oggi