Dal 1956 a servizio dei giovani nel volley maschile e femminile. Nel post Covid riparte l’attività in palestra con un nuovo slancio e tanto entusiasmo.

Da 66 anni promotrice dell’attività sportiva, mettendo sempre in primo piano il contesto sociale ed educativo dei giovani della frazione, la Libertas Montorio, dopo due anni di pandemia, vuole ritornare ad essere punto di riferimento del territorio, come racconta il presidente Giuseppe Bongiovanni.

«Dopo la Seconda Guerra mondiale un gruppo di giovani ha costituito il primo nucleo di atleti della Società per praticare sport. Negli anni ’60 e ’70 la Libertas ha poi sostenuto le esigenze e le attitudini sportivo-agonistiche dei giovani, praticando atletica leggera in estate e le corse campestri in inverno, oltre all’attività del calcio giovanile con i tornei C.S.I. e, fino al 1975, quelli della F.I.G.C.. Nel sociale, da quell’anno fino ad oggi, la Libertas ha organizzato corsi di ginnastica per la terza età e per gli adulti».

Tanto sport, ma l’impegno maggiore è con la pallavolo.

«Il mondo del volley è nato inizialmente con tornei amatoriali, sviluppandosi poi con i campionati giovanili del CSI e dal 1970 con i campionati federali FIPAV, con squadre sia maschili che femminili. Siamo la seconda società veronese affiliata per anzianità, con buoni risultati anche in campo provinciale e regionale, nel quale le due squadre maggiori militano da oltre 30 anni. Senza dimenticare il campionato nazionale di B2 femminile, interrotto per Covid e disputato dopo aver vinto per due anni di fila la serie C».

Due anni di pandemia hanno lasciato pesanti strascichi…

«Ci sono meno squadre, e sono cambiate le abitudini soprattutto di ragazzi e ragazze. Alcuni purtroppo hanno abbandonato lo sport, forse per paura di contagiarsi, perdendo lo stimolo di essere liberi, giocare e stare con gli amici».

Importante però ora è ripartire, anche facendo squadra sul territorio.

«Abbiamo iniziato una collaborazione tecnica con la Pallavolo San Martino, grazie allo scambio di allenatori e atlete, con obiettivi prefissati».

Oltre alla passione servirà anche il sostegno degli sponsor

«La loro vicinanza e generosità è fondamentale, nonostante siano anch’essi condizionati dalla pandemia e ora dalla guerra in Ucraina. Ci auguriamo una pronta ripresa, perché sono essenziali per le attività dilettantistiche come la nostra».

Presidente, cos’è la Libertas Montorio?

«Un gruppo di persone che guardano avanti con ottimismo e la volontà di per migliorarsi. Abbiamo obiettivi comuni e, dopo questi due anni di difficili, servono strategie e nuovi approcci con i giovani per farli tornare in palestra e favorire la loro crescita sportiva. Lo sport ha il potere di aiutarci a dare il meglio di noi stessi, di trasformare la nostra vita e formare il carattere imparando la gratuità nella vittoria e la prospettiva nelle sconfitte».

Nel 2016, la Libertas Montorio ha festeggiato i primi 60 anni con un libro, assieme ad una mostra di cimeli storici (coppe, maglie e foto) e una serata di ricordi e premiazioni a cui hanno partecipato le autorità della società ma soprattutto ex atleti e dirigenti.

Tutte le nostre iniziative: 

  • Festa di fine stagione a maggio e a Natale
  • Attività motorie per gli alunni delle scuole primarie, sollecitate dalla Federazione e richieste dagli organi scolastici
  • Camp estivi in località montane in Veneto e in Trentino
  • Stampa e consegna di 3000 copie dell’elenco telefonico con gli abbonati di Montorio 
  • Rubriche con foto e relazione annuale dell’attività sportiva della società

Contatti

Asd LIBERTAS MONTORIO

Email libertasmontorio@tiscali

Tel. settore maschile 3470391484

Tel. settore femminile 3480035919

Palestra di Novaglie

Palestre Scuole Betelloni e Simeoni di Montorio

Web www.libertasmontorio.it

banner-gif
Articolo precedenteTerreni agricoli e edificabili, caratteristiche degli uni e degli altri
Articolo successivoLo sport per la crescita: questa la linea della VetroCar Css con nuoto e pallanuoto maschile