Siccità, isole di calore, bombe d’acqua: anche il territorio veronese ha iniziato a sperimentare gli impatti locali dei cambiamenti climatici. Come comunità veronese abbiamo bisogno di costruire nuove consapevolezze, esplorare soluzioni possibili, prendere impegni e decisioni per affrontare insieme l’emergenza climatica.

Perché un’impresa dovrebbe attivarsi nella lotta al Cambiamento Climatico? Non si tratta solamente di un dovere per garantire un futuro all’umanità, ma significa anche identificare i rischi e gli impatti potenziali e reali a cui si trova e si troverà esposta, con conseguenze fisiche, economiche e finanziarie, oltre che nuove opportunità in termini di prodotti, servizi e modelli di business in grado di creare valore positivo a 360°. Abbiamo già potuto notare come eventi meteorologici estremi possano portare danni alle infrastrutture e alle attrezzature aziendali, come possano anche provocare una riduzione della disponibilità delle materie prime con conseguenze in termini di aumento dei prezzi.

Anche la normativa sta evolvendo, esponendo le imprese impreparate a rischi relativi alla disclosure, alla possibilità di accedere ad investimenti, aiuti, sussidi e sgravi. Ad esempio, la nuova Direttiva europea sulla Rendicontazione Non Finanziaria, in questo momento alle battute finali, prevede un progressivo allargamento del numero di imprese obbligate a misurare e pubblicare i propri impatti ESG. Inoltre, 2 dei 6 obiettivi della nuova Tassonomia Europea, che definisce cosa può essere considerato un investimento “sostenibile”, sono relativi alla mitigazione e all’adattamento al Cambiamento Climatico. L’UNFCCC (Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) fa inoltre riferimento anche a rischi di tipo reputazionale presso i clienti, i consumatori e il contesto di riferimento per le imprese che non muoveranno i propri passi di mitigazione e adattamento al Cambiamento Climatico agendo sui propri processi, prodotti e servizi, oltre che rischi di responsabilità come, ad esempio, richieste di risarcimento per impatti negativi causati dall’azienda e legata alla mancata gestione dei rischi legati al Cambiamento Climatico.

Gallery


Ai rischi da cui proteggersi si associano grandi opportunità, che possono fare delle imprese parte della soluzione nella lotta ai Cambiamenti Climatici. Ciò può avvenire, ad esempio, attraverso innovazioni di prodotto, servizio o modello di business in grado di creare valore positivo a livello ambientale, sociale ed economico. Oppure attraverso progetti finalizzati a migliorare i processi produttivi in termini di efficienza, riduzione dei costi operativi e gestione dei rischi così da assicurare la continuità aziendale nel lungo periodo. Si pensi, ad esempio, a come interventi in efficientamento energetico e in infrastrutture di produzione di energia da fonti rinnovabili per alcune aziende si siano dimostrati strategici e lungimiranti di fronte all’attuale situazione geopolitica.

È proprio con l’obiettivo di creare consapevolezza di tali sfide nelle imprese del territorio veronese e di offrire loro una panoramica degli strumenti a disposizione per mettersi in cammino che l’Associazione Verso, associazione multi-stakeholder del territorio che lavora sui temi della sostenibilità e già attiva nelle scuole con il Progetto “Climact! In Azione per il Clima” realizzato con il contributo di Fondazione Cariverona, ha deciso di creare un’opportunità formativa anche per le imprese. Il workshop Imprese in azione per il clima nasce dalla volontà di rete Verso, in collaborazione con attori strategici del territorio, di formare professionisti change-maker che desiderano attivare percorsi trasformativi nelle proprie organizzazioni verso soluzioni di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici che permettano la creazione di valore socio-ambientale positivo per tutti gli stakeholder, oltre che dare un contributo positivo al bene comune. Gli incontri hanno preso avvio il 14 ottobre presso la splendida sede di Villa Buri e includeranno un’introduzione alla Scienza Climatica con il supporto dell’Istituto di Scienze Polari del CNR, un approfondimento sui rischi assicurativi grazie all’intervento del Prof. Furlanetto, esperto di gestione dei rischi in ottica anticipante e della Compagnia Assicurativa Assimoco, una testimonianza sul tema delle Comunità Energetica offerta da ForGreen spa SB e una carrellata degli strumenti di valutazione d’impatto e d’impatto ambientale grazie alla Prof.ssa Bonomi e a ETIFOR srl, oltre che un approfondimento sulle opportunità legate al PNRR.

CLIM-ACT! EXPO

Gli interventi formativi nelle scuole, di cui vi abbiamo parlato nel numero di Ottobre 2022 di Pantheon, e con le imprese del territorio sono iniziative di sensibilizzazione che desiderano accompagnare i diversi attori del territorio verso la definizione di impegni concreti nella lotta ai cambiamenti climatici che potranno essere esplicitati durante Clim-act! Expo: un evento che si terrà a Verona dal 17 al 23 Aprile 2023 pensato per creare consapevolezza e per riunire cittadini, giovani, imprese, società civile e amministrazione locale per fare sistema nella lotta al Cambiamento Climatico antropogenico.

Contatti

www.reteverso.eu
info@reteverso.eu

banner-gif
Articolo precedenteL’editoriale di Pantheon 138
Articolo successivoInaugurata la Phoenix Business School per dipendenti, collaboratori, clienti e partner