Shopping bag personalizzata
Shopping bag personalizzata

Si chiama PTO, ed è l’acronimo di Pubblicità Tramite Oggetto. È uno dei metodi di direct marketing più utilizzati dalle aziende negli ultimi anni e si basa sulla filosofia del Neuromarketing, cioè quella disciplina che concilia l’economia con le neuroscienze. La PTO ha ottenuto uno sviluppo sempre maggiore nel corso degli anni proprio per la sua testata capacità di ottenere grandi risultati per le aziende che scelgono di dare visibilità al proprio brand attraverso gadget, accessori e soprattutto shopper personalizzate. Questi strumenti si rivelano oggi un sistema promozionale particolarmente efficace sia per il marchio che per l’attività di un’impresa, perché aumenta la visibilità del brand coniugando l’utilità di un oggetto con il costo contenuto della loro produzione e distribuzione.

Dal Neuromarketing alle borse personalizzate

Come si conciliano Neuromarketing, PTO e borse personalizzate è presto detto. Gli studi che analizzano i comportamenti del consumatore rivelano che la maggior parte degli acquisti di un soggetto avviene perché entrano in gioco dinamiche psicologiche a livello inconscio. Il nostro cervello prende delle decisioni che sono determinate irrazionalmente: per questo, il tentativo delle aziende è quello di capire quali sono i fattori che rendono piacevole l’esperienza d’acquisto per l’utente finale, che non vuole e non deve essere manipolato ma, al contrario, dev’essere accompagnato verso la sua fidelizzazione con l’azienda. Il consumatore vuole essere consapevole, vuole instaurare un legame di fiducia con il marchio da cui compra. È qui che entra in gioco la PTO, che consente di creare un rapporto stabile con i propri clienti offrendo in regalo strumenti utili e garantendo la trasparenza delle proprie azioni. Il primo di questi strumenti è proprio la borsa personalizzata.

Come e perché personalizzare

Le shopping bag, ma anche gli altri gadget personalizzati, sono un prodotto indispensabile per aziende, negozi e per l’uso quotidiano delle persone. Possono trasportare facilmente qualsiasi oggetto d’interesse mettendo in risalto il logo di una ditta e soddisfando il proprio target, attraverso un utilizzo a lungo termine che si adatta ad ogni occasione in base al modello e alla tipologia. È quindi strategico offrire una borsa personalizzata ponendo particolare attenzione alla loro costruzione. HiGift online ad esempio, propone una vasta gamma di borse personalizzabili potendo scegliere tra dimensioni, forma, materiale, design, colore, modello e soprattutto quantità. È fondamentale anche scegliere la tecnica di personalizzazione corrispondente al proprio logo e al materiale dell’oggetto, in modo da ottenere un risultato impeccabile sul design della propria borsa. In ultimo, ma non per importanza, la scelta di shopping bag personalizzate eco-friendly senza plastica, in tessuto ed ecologiche: l’attenzione all’ambiente è uno dei fattori che accresce il valore dell’azienda. Eventi, fiere, convegni o occasioni speciali come il Natale sono avvenimenti perfetti per offrire in omaggio una borsa personalizzata. Grazie a HiGift, ogni esigenza può essere adattata in base al budget.  

La soluzione? PTO!

Se la tecnica della Pubblicità Tramite Oggetto si rivela vincente in un’ottica di soddisfazione e fidelizzazione del cliente, è anche funzionale ad aumentare il numero degli stessi. Nel campo della comunicazione e del marketing, una borsa personalizzata viene utilizzata per attirare l’attenzione di clienti e per far circolare i messaggi delle aziende di tutto il mondo. La borsa è quindi uno strumento innovativo per sviluppare un ampio business e accontentare un vasto pubblico, perché viene apprezzata da chi la riceve per la sua utilità.  che non potrà mai essere sostituita nel tempo.  Aziende, società, enti ed associazioni si affidano ai gadget per migliorare la loro comunicazione pubblicitaria: ecco perché la shopping bag personalizzata risponde ad ogni esigenza.

banner-gif
Articolo precedenteTracy Eboigbodin, galeotta fu una sera d’estate…
Articolo successivoSan Giorgio Ingannapoltron: è sodalizio tra vino e cultura