Cattura la realtà

L’utilizzo della tecnologia laser scanner rappresenta oggi lo stato dell’arte in ambito topografico, offrendo vantaggi non indifferenti. «In primis – racconta Leonardo Massafra – abbiamo la possibilità di portare all’interno del computer l’oggetto del rilievo, senza più la necessità di tornare sul luogo a prendere le misure e risolvendo con grande velocità l’insorgere di dubbi circa la conformazione dell’oggetto stesso. Il drone, dall’altra parte, viene utilizzato per integrare il rilievo da terra fatto con il laser scanner; per certe applicazioni, come ad esempio per l’agricoltura di precisione, diventa indispensabile».

Un notevole risparmio di tempo, energie e risorse, anche economiche, oltre che di inquinamento: l’intervento è mirato e specifico. Con la possibilità di fare un’analisi tra il costruito e il progetto, inoltre, è possibile individuare precocemente eventuali interferenze, così da comunicarle al progettista. Un intervento immediato che previene la dilatazione dei tempi di realizzazione della commessa o costi non computati. I primi destinatari dei servizi di Cattura la realtà sono quindi figure professionali, come architetti e ingegneri, ma anche aziende costruttrici.

Tante le rilevazioni degne di nota che il team di Cattura la realtà ha realizzato negli anni, in Italia e all’estero: dal Colosseo alla nave scuola della Marina Militare Italiana, l’Amerigo Vespucci, dal duomo di Montepulciano o di Fano ai rilievi eseguiti nel centro storico di Baku, la capitale dell’Azerbaijan. E ancora La Valletta, nell’isola di Malta, e ill sito archeologico di Doclea, in Montenegro. Nel territorio veronese, invece, spicca il lavoro eseguito per la Biblioteca Capitolare.

«I rilievi eseguiti in Capitolare sono il nostro ultimo lavoro importante – racconta Massafra – e siamo davvero orgogliosi, da veronesi, di aver avuto la possibilità di rilevare la biblioteca più importante al mondo. Abbiamo consegnato una fotografia misurabile dei luoghi, la base per un progetto molto ampio che la Fondazione Biblioteca Capitolare svilupperà in futuro. Il rilievo laser scanner si conferma la base di partenza ottimale per qualsiasi opera di progettazione o di intervento».

Sistemi innovativi e altamente tecnologici, ma che non smettono di guardare al futuro: l’evoluzione, infatti, punta già a sistemi di rilievo laser scanner in movimento. «Ad oggi siamo già attrezzati con questa tecnologia – conclude Massafra -, grazie alla quale siamo riusciti a rilevare, nell’ambito del bonus 110, più di 90 condomini in meno di sei mesi. Si tratta di un laser scanner, che può essere portato a mano, su macchina o su drone, che acquisisce dati in movimento e ricostruisce, fondamentalmente in tempo reale, quello che ha visto e misurato».

banner-gif
Articolo precedenteSul Baldo e in Lessinia c’è voglia di investire
Articolo successivoUni-Co-Re 4.0: l’inclusione passa per l’università