A Sant’Anna d’Alfaedo, a pochi metri dal celebre Ponte di Veja e immersi nel verde dei prati e dei boschi della bassa Lessinia, si trova un parco avventura dove natura e adrenalina si fondono in un’unica esperienza. Nato nel 2018 dall’idea di alcuni imprenditori locali e un gruppo di soci appassionati di arrampicata, il Veja Adventure Park offre oggi diversi percorsi acrobatici sugli alberi, di difficoltà crescente, per soddisfare le esigenze di ogni visitatore. Il Parco ha già aperto nel weekend di Pasqua ed è aperto al pubblico nei giorni Festivi. In attesa della totale apertura estiva, Andrea Zivelonghi, Direttore di Veja Adventure Park, racconta come il Parco si sia preparato per accogliere i visitatori nella nuova stagione.
Andrea, siamo al quinto anno di attività per il parco. Come si è evoluto negli anni?
Quando il parco è nato nel 2018 erano 4 i percorsi disponibili, di diversi livelli di difficoltà. Per il 2022 saranno invece 12, un’offerta completa che andrà a soddisfare a pieno le esigenze di bambini ma anche di ragazzi più grandi e adulti.
Come sono suddivisi i percorsi?
Oltre all’area KID per i bambini più piccoli e ai percorsi verdi di difficoltà facile, ci sono percorsi blu di livello intermedio, percorsi rossi di difficoltà impegnativa e un percorso nero molto impegnativo. Il Parco diventa quindi molto più godibile anche da fasce di età più avanzata.
Un’occasione per mettersi alla prova a tutte le età.
Il parco è sicuramente un luogo in cui si trascorre del tempo facendo attività nelle quali si è protagonisti e ci si mette davvero in gioco, a differenza dei parchi divertimento più tradizionali. Superare le proprie difficoltà, e concludere i percorsi con successo, è sicuramente gratificante, sia per l’adulto che per il bambino.

Gallery

Ci saranno novità ad accogliere i visitatori?
Abbiamo realizzato 2 nuovi percorsi molto belli dedicati ai bambini più piccoli. Sempre dall’estate, visto il successo dello scorso anno, attiveremo una pista di quad a pedali, realizzata nella parte più pianeggiante del Parco. A disposizione dei visitatori ci saranno tre differenti modelli di quad, a seconda dell’età. Sempre su prenotazione, offriremo anche un servizio di noleggio di bici elettriche per andare alla scoperta della bassa Lessinia, in autonomia o con una guida.
Come si può raggiungere il parco?
Principalmente con la macchina, ma anche a piedi o in bici. Per l’estate 2022 c’è una bella novità: in accordo con ATV, sarà attivato un
servizio di pullman che collegherà Verona e Ponte di Veja, con partenza al mattino e rientro nel tardo pomeriggio.
Quando è fissata l’apertura per la stagione estiva 2022?
Abbiamo già aperto nel weekend di Pasqua e lo siamo nei giorni festivi. Dal mese di giugno saremo aperti i weekend e il mercoledì, con uno sconto sul prezzo per chi verrà nei giorni feriali. Da luglio ci auguriamo di poter tenere aperto stabilmente tutti i giorni. Per i gruppi, su prenotazione, siamo sempre disponibili.
Che gruppi accogliete?
Siamo aperti ad ospitare gruppi di amici, addii al nubilato o celibato, gruppi di turisti stranieri. Organizziamo anche attività specifiche per eventi di team building o per feste di compleanno, sempre a tema outdoor e in contatto con la natura.
Allo stesso modo siamo aperti alle prenotazioni da parte di scuole, grest o gruppi sportivi, che in questo periodo concludono gli allenamenti e possono aver voglia di passare una giornata tutti insieme.
Ci sono alternative per chi non volesse lanciarsi all’avventura?
È possibile godersi la natura, con una passeggiata ad anello che copre tutta l’area del parco senza pendenze impegnative. Inoltre, all’interno del parco abbiamo una decina di tavoli ad accesso libero, a disposizione del pubblico che desidera fermarsi per un picnic prima o dopo l’esperienza. Per il mese di luglio puntiamo ad attivare anche un nostro punto ristoro.

Contacts

Veja Adventure Park
Località Ponte di Veja,
Sant’Anna d’Alfaedo (VR)
T: +39 391 7358852
Email: vejadventure@alice-martini
www.vejadventure.it

banner-gif
Articolo precedenteCompravendita, perché fare il preliminare dal notaio?
Articolo successivoSaverio Dalla Rosa, il primo custode della collezione civica