Olio di ricino

 

Tristemente noto dall’epoca fascista, l’olio di ricino è anche un prezioso alleato fra i rimedi di bellezza naturali, soprattutto nella cura di ciglia e capelli, ma anche per il trattamento di cicatrici e acne lieve.

di Claudia Buccola

Vediamo dunque i principali usi di bellezza di questo olio vegetale, impiegato nella cosmesi fin dai tempi degli antichi egizi.

  • Stimola la crescita e l’infoltimento dei capelli: questa è forse l’uso cosmetico più conosciuto dell’olio di ricino, che contiene acidi grassi omega-6 e omega-9, che rinforzano e nutrono il bulbo e il fusto del capello. Con quest’olio si può dunque fare un massaggio sulla cute per qualche minuto e lasciar riposare coprendo i capelli con una cuffia, anche tutta la notte, per poi procedere al normale lavaggio. Per ottenere risultati visibili è bene ripetere il trattamento ogni 7-14 giorni.
  • Stimola la crescita e l’infoltimento di ciglia e sopracciglia: come per i capelli, anche ciglia e sopracciglia possono beneficiare delle proprietà dell’olio di ricino. Per averle più lunghe e folte è possibile applicare ogni sera prima di andare a dormire un po’ di olio, facendo attenzione che non vada negli occhi. Per questo scopo si può utilizzare il pennellino di un mascara terminato, dopo un accurato lavaggio. I risultati dovrebbero essere visibili in un paio di settimane!
  • Riduce i segni dell’acne lieve: grazie all’acido ricinoleico, che si trova in grandi quantità nell’olio di ricino. Per ridurre i segni dell’acne si può applicare l’olio sul viso dopo averlo lavato prima di andare a dormire. Dopo averlo lasciato agire tutta la notte, risciacquare al mattino.
  • Aiuta a ridurre le cicatrici: l’applicazione regolare di olio di ricino può aiutare a ridurre le cicatrici. Gli acidi grassi contenuti in quest’olio penetrano rapidamente nel tessuto cicatriziale e favoriscono la crescita del tessuto sano circostante.