Non angeli o eroi o paladini. Nessun esercito del bene. Semplicemente, persone che con passione e competenza si mettono al servizio del prossimo contribuendo a favorire ed alimentare una società più giusta ed equilibrata. Nella Giornata mondiale che celebra la Giustizia Sociale nel mondo, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 62/10 del 2007, il CSV, Centro di Servizio per il Volontariato, festeggia i 20 anni della Scuola Permanente del Volontariato

La formazione, anche nel Terzo settore, rappresenta infatti un elemento cardine per crescere volontari motivati, aiutarli ad acquisire nuove abilità e favorire il loro percorso di arricchimento, sia dentro che fuori l’associazione. «Se per fare volontariato la passione è fondamentale, per non improvvisarsi e improvvisare, la competenza è importante», riflette il presidente del CSV Roberto Veronese. La Scuola Permanente del Volontariato ha aperto i battenti nel 2002, proprio con l’obiettivo di accompagnare le persone che hanno deciso di dedicarsi al volontariato nell’acquisizione e nello sviluppo di conoscenze e di nuove abilità. I corsi avviati durante questi due decenni sono stati 399 per un totale di 6.640 ore di lezione, seguite complessivamente da 7.376 persone. Si tratta di attività formative organizzate e articolate in lezioni frontali, laboratori, seminari, incontri e specifici percorsi di accompagnamento. È il caso, ad esempio, dell’iter che intraprendono le associazioni che intendono acquisire il marchio di garanzia e trasparenza Merita Fiducia. E ancora, i volontari partecipano a percorsi formativi in ambito amministrativo, manageriale, negli aspetti fiscali, civilistici e legali, nella progettazione sociale, nelle competenze relazionali, in comunicazione, raccolta fondi, motivazione al volontariato e molto altro ancora.

Associazioni premiate con il marchio “Merita Fiducia”

Nel conteggio mancano i nuovi corsi al via proprio in queste settimane: con febbraio è stato inaugurato infatti il primo semestre della Scuola Permanente del Volontariato, che per i prossimi mesi alternerà lezioni in presenza e da remoto.

Il prossimo appuntamento con la Scuola è il webinar – in programma il 22 febbraio dalle 17 alle 18 – “Ti mandiamo a quel paese!”, centrato sulle opportunità di volontariato all’estero. Un occhio di riguardo nell’offerta formativa pianificata dal CSV è riservato ai giovani, con attività informativa di sensibilizzazione per dare le prime nozioni di base a chi vuole muovere i primi passi nel volontariato, anche attraverso esperienze all’estero da ricordare per tutta la vita, con la possibilità di imparare tante cose e di conoscere culture diverse entrando in contatto con realtà che si occupano di differenti ambiti sociali, culturali, ambientali. Un viaggio entusiasmante non solo in un altro Stato, ma anche in una nuova conoscenza e apertura mentale.

Altro punto focale che caratterizza questo semestre, in linea con il lavoro che CSV sta compiendo già da alcuni mesi, il corso “Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e creazione di bene comune”, dedicato alle associazioni più innovative e con una spiccata sensibilità alla sostenibilità, per scoprire come lasciare il proprio contributo attivo alla realizzazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 ONU e come mostrare tutto il proprio potenziale ancora inespresso.

Le iscrizioni alla Scuola Permanente del Volontariato sono aperte anche a cittadini che non fanno capo ad alcuna associazioneoltre che ad aspiranti volontari. Fra i corsi più richiesti le informazioni per chi vuole costituire nuove realtà solidali. Il calendario dei corsi, ulteriori informazioni e le modalità di iscrizione, sono online sul sito del CSV: www.csv.verona.it.

banner-gif
Articolo precedenteSoroptimist Verona: «Il tumore alla mammella non fa più paura»
Articolo successivoL’Università di Verona aderisce all’alleanza europea per la ricerca sulle malattie infettive