Sabato 20 luglio alle ore 21:00 il Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova aprirà le porte al cuore dell’Africa nera con l’evento organizzato dalla Onlus Voci e Volti. Le note della Big Band Ritmo Sinfonica “Città di Verona” e le splendide illustrazioni dell’artista veronese Gek Tessaro daranno vita ad uno spettacolo di musica e teatro disegnato per raccontare l’anima dell’Africa e sostenere i progetti cari all’associazione.

«Per questa importante serata» racconta Marcello Bragantini, neopresidente di Voci e Volti, «abbiamo pensato di coniugare le magiche note del jazz a disegni che parlassero di Africa, realizzati a ritmo di musica. Come scritto sulla locandina, pensiamo che questa serata possa diventare l’abbraccio da parte della Lessinia per l’Africa e in particolare per i nostri tre attuali progetti».

L’associazione è nata nel 2000 e da allora si dedica con grande umiltà a varie iniziative che coinvolgono l’Africa. Al momento, la passione e la dedizione dei volontari è diretta verso Tanzania, Guinea Bissau e Mozambico.

«Il primo progetto riguarda la zona di Usa River, a pochi chilometri da Arusha, città situata nella regione turistica alle falde del Kilimangiaro» spiega Marcello. «Il nostro progetto è nato da un bisogno reale: in Tanzania il virus dell’HIV è particolarmente diffuso e colpisce molte famiglie che a causa della malattia non sono più in grado di occuparsi dei propri figli. Per questo abbiamo pensato di realizzare il “Villaggio Sole di Speranza”, un vero e proprio centro formato da una casa che accoglierà 60 bambini in modo continuativo e farà da appoggio a 200 famiglie e un piccolo ostello che possa accogliere turisti e garantire il sostentamento della struttura (vedi foto). Accanto faremo anche un orto che creerà lavoro e contribuirà anch’esso all’indipendenza del centro».

Il secondo progetto di Voci e Volti riguarda ancora più da vicino Verona: l’associazione già da qualche anno porta avanti una preziosa iniziativa a sostegno dei bambini della Guinea Bissau affetti da patologie cardiache. Il progetto unisce a doppio filo gli ospedali africani e il reparto di cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Borgo Trento garantendo una cura a quei bambini e, nei casi più gravi, degli interventi presso la struttura scaligera che riportano il sorriso su quei piccoli volti.

Infine, il terzo fronte su cui è impegnata Voci e Volti è quello del Mozambico dove l’associazione è presente da tre anni per sostenere i 100 bambini della Scuola Materna di Chuiba, occupandosi giorno dopo giorno della loro educazione e salute.

«Con i nostri progetti cerchiamo sempre di rispondere a bisogni reali, cose di poco conto per noi che in quei luoghi però diventano di vitale importanza. I problemi sono sempre molti, così come le risorse necessarie. Con le nostre strutture, mattone dopo mattone, cerchiamo semplicemente di dare a quelle persone una vita migliore. Questo è tutto ciò che conta!».