Una bomba ad orologeria tra sistema sanitario decisamente precario e il lockdown impossibile. Ne parliamo con il direttore di Nigrizia, Padre Filippo Ivardi.

banner-gif
Articolo precedente«Tutto è cambiato, niente è davvero cambiato»
Articolo successivoUn turismo che evolve, per rispondere al virus
Caporedattrice