tabaccheria via todeschini
Mattia e Nicolò Mezzari, tabaccheria di Via Todeschini a Verona

Anche a Verona si moltiplicano le iniziative a sostegno delle migliaia di civili sfollati in Ucraina. Sono tante le associazioni e i privati cittadini che in questi giorni hanno attivato campagne di raccolta di beni di prima necessità da spedire nelle zone di conflitto. Questa mattina siamo passati dalla tabaccheria e edicola di Via Todeschini, nel quartiere di Borgo Trento: Nicolò, il giovane proprietario, con il fratello Mattia e la mamma Giancarla hanno deciso di dare il loro contributo. Presso la loro attività i residenti del quartiere possono lasciare abbigliamento pesante, coperte, medicinali, cibo. I beni raccolti vengono poi portati al Mix Markt di Corso Milano 105, negozio di alimentari che vende prodotti tipici dell’Est Europa e che tramite l’associazione le Malve invierà i materiali in Ucraina.

«Da ieri mattina abbiamo già raccolto decine di sacchi di giacche e coperte, – racconta Nicolò – tantissime persone vogliono dare una mano. Ora dall’associazione ci hanno fatto sapere che c’è bisogno soprattutto di medicinali, viveri e prodotti per l’igiene». La risposta dei residenti all’iniziativa, circolata velocemente sui social network, è stata molto positiva, e il punto di raccolta resterà attivo anche nei prossimi giorni. «La situazione in Ucraina è davvero drammatica, – conclude Nicolò- nel nostro piccolo ci siamo sentiti in dovere di fare qualcosa. L’edicola è un punto molto frequentato dagli abitanti del quartiere, è ideale per raccogliere ciò che serve ai cittadini ucraini».

banner-gif
Articolo precedenteIl cinema Alcione rinasce come “Cinema di Comunità”
Articolo successivoQuid, in vista dell’8 marzo presentato un nuovo progetto per le donne migranti