I donatori di sangue ASFA inaugurano una nuova sede: con il Giro delle Sezioni nasce la sezione Più di un Sogno.

«Il forte legame che ASFA ha con le organizzazioni non profit del territorio – dice Alessandro Toaiari, Presidente provinciale di ASFA – è la nostra forza distintiva. Siamo uniti non dal contenitore ma dal contenuto: la medesima esperienza di servizio sul territorio attraverso l’esperienza del Dono».

Si tratta di un primo esempio di sezione di donatori di sangue dove il legame non è territoriale o geografico ma piuttosto in cui sono messi al centro i valori in comune. «L’adesione come Più di un Sogno alle sezioni di ASFA è l’evoluzione di una amicizia iniziata dieci anni fa – dice Alberto Zendrini, Presidente della fondazione. Dal 2011 collaboriamo proponendo il concetto del dono circolare per favorire la creazione di comunità sempre più accoglienti verso le fragilità».

L’ASFA Tour è un giro in bicicletta da corsa di circa 120 chilometri, quelli che uniscono le 8 sezioni presenti sul territorio della provincia di Verona. Le due squadre ciclistiche, l’ASD Mario Conti di San Giovanni Lupatoto e il Bike Team di Zevio che da sempre portano sulle loro maglie i loghi delle due organizzazioni, sono partite da piazza Brà, vicino alla sezione di San Luca, per proseguire in Sacra Famiglia e Rizza. Sono scese fino a Nogarole Rocca, Bonavigo e risalite verso Zevio, San Giovanni Lupatoto con arrivo finale al convento di San Bernardino. «San Bernardino non è solo la sede di una nostra sezione – continua Toaiari – ma essendo un convento francescano rappresenta un forte legame con San Francesco, a cui ci ispiriamo, e al mondo dei terziari francescani. Il fondatore di ASFA è stato, infatti, un terziario e così è anche l’attuale vicepresidente».

Lungo il percorso, i partecipanti hanno potuto incontrare le comunità locali, i loro rappresentanti e i donatori di sangue. L’ASFA Tour nasce proprio per essere un momento di incontro per condividere esperienze personali e le storie del volontariato locale che collabora con ASFA oltre ad una importante occasione per proporre il dono del sangue sul territorio.

Per i ciclisti che hanno punzonato tutti punti di controllo è stato preparato un omaggio ricordo realizzato dai ragazzi del T-Lab, laboratorio creativo dedicato ai giovani con disabilità intellettiva di Più di un Sogno. L’omaggio è stato consegnato da Xenia Palazzo nuotatrice della nazionale italiana che ha recentemente conquistato quattro medaglie alle Paralimpiadi di Tokyo. Emozionate è stato l’incontro tra i ciclisti e questa importante atleta che con la sua tenacia e determinazione è sicuramente esempio sia nello sport che nella vita. Inoltre è stata l’occasione per Xenia per ricordare la campagna “Libera la mente e il cuore e supererai ogni ostacolo” e la sezione donatori Amici di Xenia creata per promuovere il dono di sangue tra i più giovani.

Articolo precedenteAttività subacquee per ragazzi e ragazze con disabilità: domenica l’evento a Garda
Articolo successivo“Panettone senza confini”, la Maestra pasticcera veronese Scattolini in finale