Lo sfondo è lo scenario boschivo di Monte San Pietro, l’altura che sovrasta Badia Calavena. Le protagoniste, invece, sono le persone con disabilità che frequentano gli spazi della cooperativa sociale Monteverde. Il calendario 2022 è intitolato “Momenti di bene comune” e anche stavolta – come nelle ultime 4 edizioni – nasce come strumento culturale, capace di parlare in modo diverso di disabilità e, al contempo, come mezzo di raccolta fondi.  

Il calendario sosterrà infatti il progetto “A tutto gas”, finalizzato all’acquisto di un nuovo pulmino a minor impatto ambientale per il trasporto quotidiano delle persone con disabilità. Sono una sessantina quelle che Monteverde accompagna ogni giorno nel tragitto casa-centri diurni, su otto mezzi; alcuni sono ormai vecchi e il calendario, come la lotteria organizzata nei mesi scorsi, punta a sopperire a questo bisogno.

«Pensando al tema portante, siamo partiti dal nostro Bilancio del bene comune, mettendo al centro un tema che ci è caro: la sostenibilità integrale, che ha un impatto molto concreto nelle attività quotidiane della cooperativa – spiega Gastone Marchesi, fundraiser di Monteverde –. Per lo stile, invece, abbiamo sperimentato immagini evocative: i protagonisti spiccano davanti a un pannello bianco posto nel bosco, con pochi elementi di arredo».

Tra le novità, l’uso della comunicazione aumentativa e alternativa: sotto a ogni foto sono posti dei simboli e disegni, che servono a incrementare la comunicazione nelle persone che hanno difficoltà a usare i canali comunicativi.

Il calendario, realizzato con le foto di Rohd Studio e in collaborazione con lo studio grafico Incastri, è stato stampato da LaGrafica Editrice di Vago di Lavagno; ha ricevuto il patrocinio dell’Unione di Comuni Verona Est e dei Comuni di Lavagno, Tregnago, Badia Calavena e Selva di Progno. Per richiederlo basta scrivere all’indirizzo mail donazioni@monteverdeonlus.it.

Articolo precedente“La vita è sempre una magia”: esce il brano vincitore del concorso di Musica Senza Confini
Articolo successivoMatteo Poletti, la nostalgia e l’amore diventano musica