Giocare d’azzardo è un comportamento a rischio per la salute: può creare dipendenza e necessita di una diagnosi specialistica e di adeguati supporti psicologici e sociali. Le attività di prevenzione dell’ULSS9 scaligera si concentrano nelle scuole, ma si rivolgono anche ad insegnanti e genitori, alle forze dell’ordine e alla popolazione attraverso eventi di sensibilizzazione come questo patrocinato dal Comune di Sommacampagna che vede la partecipazione di tanti vignettisti che si sono cimentati nel delicato compito di portare in evidenza una dipendenza che non va sottovalutata, come ricorda l’Assessora alla Cultura Eleonora Principe «li ringrazio perché si sono uniti per una causa comune e hanno tradotto in un linguaggio contemporaneo, capace di parlare anche ai nostri giovani, l’impellenza di raggiungere e tendere una mano alle persone affette da ludopatia. La sinergia tra ambito sociale e culturale è imprescindibile all’interno di una Comunità che voglia definirsi tale».

La chiusura delle sale slot legata all’emergenza sanitaria ha temporaneamente frenato il gioco d’azzardo e ridotto il numero di pazienti patologici assistiti dai Servizi dipendenze (Serd) ma i numeri dicono che non è possibile abbassare la guardia «Vorrei fare un appello a chi pensa di essere a rischio o di avere già un problema con il gioco d’azzardo ma anche a chi lo vive di riflesso perché ne soffre un componente familiare: contattate l’Ambulatorio dedicato dell’ULSS9 Scaligera del Distretto 4 di Villafranca – conclude l’Assessora alle Politiche Sociali, Paola Pighi – La soluzione c’è, nulla è irreparabile attivando gli strumenti di sostegno adeguati. I professionisti dell’ULSS9 sono pronti a dare tutto il supporto necessario».

Questi i contatti dell’Ambulatorio per la prevenzione e il trattamento del Gioco d’Azzardo Patologico dell’Ulss 9 Scaligera:

Distretto 4 – Villafranca – 045 6712529 – gap.villa@aulss9.veneto.it

Distretto 4 – Bussolengo – 045 6305926 – gap.busso@aulss9.veneto.it

I vignettisti in mostra a Villa Venier sono: Gianni Audisio, Franco Bacci (Bac), Giorgio Barchetti (Bold), Giovanni Beduschi, Andrea Bersani, Enrico Biondi, Angelo Campaner, Luciano Caratto, Giacomo Cardelli (Jack), Athos Careghi, Mariano Congiu, Alice Colombo, Lele Corvi, Paolo Delvaglio, Francesco Dotti, Pietro Francioso, Marco Fusi, Roberto Giannotti, Alfio Leotta, Filippo Loiacono (Frago), Carlo Mantovani (Pirellone), Roberto Galavotti (Bekko), Claudio Mellana, Fabrizio Pani (Panif), Danilo Paparelli, Pierpaolo Perazzolli (EDYPerazz), Luca Ricciarelli, Tiziano Riverso, Oscar Sacchi, Doriano Solinas, Giovanni Soria, Carlo Sterpone, Salvatore Testa, Anna Tosin, Paola Tosti, Antonio Tubino.

Sempre sul tema, il convegno organizzato dall’Università del Tempo Libero mercoledì 10 novembre dalle ore 20.30 a Villa Venier dal titolo “Tra gioco e illusione: il fenomeno del gioco d’azzardo”.

Articolo precedenteValdiporro, la più antica scultura popolare della Lessina centrale
Articolo successivo“Io resto”, il Covid agli Spedali civili di Brescia nel 2020 in un film di Michele Aiello