I presidi per la sicurezza di chi lavora in ambulanza, anche grazie alla profonda solidarietà dei veronesi, ci sono ma comunque non sono scorte infinite. Michela, come i colleghi Marco e Jacopo, cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno: «Andrà tutto bene, vedrete».

Articolo precedenteRonnie Quintarelli: «In Giappone siamo vicini all’Italia e agli italiani»
Articolo successivoDante e noi che lo guardiamo da una finestra