Per portare assistenza alle fasce più povere della popolazione, a tutte le persone senza una casa nel periodo più freddo dell’anno, la Rete degli studenti medi, UDU- Unione degli universitari di Verona e l’associazione Yanez, in collaborazione con la Ronda della carità e One Bridge to Idomeni, organizzano una raccolta di beni di prima necessità per le persone in difficoltà.

Anche grazie alla disponibilità dell’ANPI e SPI CGIL, si potrà donare da lunedì 24 gennaio a venerdì 28 gennaio, dalle 15:00 alle 18:00, in Veronetta nella sede dell’ANPI in via Cantarane 26 e nelle sedi dello Spi-Sindacato Pensionati Italiani di Borgo Roma (via Centro 112) e di Borgo Venezia (via Betteloni 54). Le associazioni studentesche raccoglieranno beni di prima necessità come: coperte, vestiti, biancheria intima pulita, cibo in scatola e secco, pasta, riso, olio, zucchero, farina, prodotti di igiene personale, telefoni usati, powerbank, torce e altro che possa essere utile.

L’iniziativa è nata 4 anni fa e ogni anno, nel mese di gennaio, vede la mobilitazione dei giovani nella raccolta dei beni per chi deve affrontare i mesi più freddi dell’anno. «Ancora una volta, per il quarto anno di seguito, è necessario dare aiuto a chi, per colpa di un sistema iniquo, è costretto a vivere senza un riparo, senza una casa e di ciò di cui ha bisogno per sopravvivere. Pensiamo a Kofi Boateng, morto di freddo il 28 dicembre di 2 anni fa e tanti altri che rischiano ogni giorno» dichiara Laura Bergamin, la coordinatrice di UDU Verona.

«È essenziale richiedere aiuto alla cittadinanza, perché doni ciò di cui non ha bisogno per riuscire a dare una vita lievemente più decente a chi è stato abbandonato, senza nulla» conclude Camilla Velotta, coordinatrice della Rete degli Studenti Medi Verona.

banner-gif
Articolo precedenteColdiretti Verona consegna 100 pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà
Articolo successivoSoroptimist Club di Verona omaggia le donne veronesi della Shoah