Ristorante Ai Beati, Giancarlo Perbellini con il cuoco Michele Bosco e il direttore Marco Cicchelli, ristorazione, , Photo Giorgio Marchiori
Ristorante Ai Beati, Giancarlo Perbellini con il cuoco Michele Bosco e il direttore Marco Cicchelli, ristorazione, , Photo Giorgio Marchiori

È ufficiale, come preannunciato nell’articolo di copertina di Pantheon di maggio, domenica 9 maggio, Giancarlo Perbellini aprirà al pubblico le porte della sua nuova  “Locanda Perbellini – Ai Beati” sulle colline di Garda, pronto ad accogliere gli ospiti in una delle più belle terrazze del lago, con una vista che abbraccia quasi tutta la costa bresciana. Un nuovo sogno che si avvera per lo chef, che seguirà la partenza del locale per poi passare il timone a Marco Cicchelli che entra come socio e si occuperà della conduzione del ristorante, mentre a coordinare la brigata in cucina sarà il giovane chef veronese Michele Bosco.

Leggi l’ultimo numero di Pantheon

Il format è il modello “Locanda”, che Giancarlo Perbellini sta replicando in varie parti d’Italia dopo Verona, Milano e la Sicilia, con l’obiettivo di farne fiorire di nuove nei prossimi anni, ma con un’ulteriore evoluzione nel concept. 

A Garda lo chef proporrà un percorsocaratterizzato da ricette regionali della tradizione italiana rivisitate in chiave contemporanea, secondo la sua personale visione. Piatti realizzati con ingredienti freschi, di altissima qualità, che si distinguono per gusto, impiattamento e leggerezza. E oltre ad alcuni must come la Spuma di cipolle; il Guanciale di vitello brasato con purè di patate e porri fritti; il Pane, pomodoro, limone, liquirizia e maionese di vongole, e la celebre Millefoglie, non mancheranno accenni peculiari alla territorialità, come il Lavarello con emulsione di sottobosco e piselli, e il luccio. 

Ristorante Ai Beati, Giancarlo Perbellini con il cuoco Michele Bosco e il direttore Marco Cicchelli

Gli ospiti potranno ordinare alla carta oppure scegliere il menù degustazione, e per chi ha particolari esigenze lo chef ha pensato a una proposta di piatti senza lattosio, glutine, carne e pesce. Il menù varierà per seguire la stagionalità dei prodotti. A completare l’offerta enogastronomica, la carta vini che si compone di una ricca selezione di etichette italiane tra bianchi e rossi e di bollicine importanti. Lo scontrino medio andrà dai 65 ai 70 euro. Il ristorante avrà 100 posti, di cui 40 coperti all’interno e 60 all’esterno (al momento quindi sarà possibile pranzare e cenare solo sulla terrazza), tenendo conto del distanziamento. Anche per questo ristorante, Perbellini ha scelto una cucina De Manincor, optando per un modello particolarmente evoluto e sostenibile con tecnologia 4.0.

La “Locanda Perbellini Ai Beati” (via Val Mora 57/59, Garda – tel. 045 6573114) resterà aperta tutto l’anno; e 7 giorni su 7 nei mesi estivi (da giugno a settembre). 

Articolo precedenteMaurizio Ascione Ciccarelli, nuovo presidente Agec: «Sicurezza, sociale, sostenibilità al centro»
Articolo successivo“Primo amore”, la nuova summer edition di Grisbì