Parliamo del patrimonio di riflessioni che è nato durante la quarantena e che, per non essere disperso, tre veronesi hanno archiviato nel portale Parole al tempo.