Dopo un anno e mezzo complesso, segnato dalla pandemia e dal conseguente annullamento di tutte le competizioni internazionali, il gruppo di pattinaggio artistico su rotelle DéjàVu, composto da tredici giovani provenienti da Verona, Rovigo, Castelfranco, Bassano del Grappa e Bologna, ha conquistato il mese scorso il terzo posto europeo alle gare internazionali organizzate a Lleida, in Spagna.

A raccontarcelo è Giulia Zuppini, atleta veronese quasi 17enne: «Da sempre pratico il pattinaggio artistico su rotelle, come singolista nella società veronese Nuova Guarino e come gruppo spettacolo nella società Roll club di Padova. In questo periodo sto vivendo un momento speciale con il gruppo DéjàVu: dopo la conquista del terzo posto europeo, ora ci stiamo preparando per i mondiali in Paraguay, in programma a fine settembre: un sogno che rincorriamo con entusiasmo e determinazione ormai da due anni».

La federazione italiana (Fisr) darà loro un sostegno economico per quanto riguarda l’alloggio, ma tutte le altre spese (volo, trasporto delle strutture per la scenografia e spostamenti in loco) saranno a carico loro e delle loro famiglie.

Non potendo, in questo momento di emergenza, organizzare eventi per raccogliere aiuti, il gruppo DéjàVu ha pensato di organizzare una raccolta fondi, disponibile a questo link, con l’obiettivo di sensibilizzare la comunità e chiedere supporto per affrontare al meglio un compito così importante: rappresentare l’Italia in una competizione mondiale.

Articolo precedenteGiovani e lavoro, una veronese selezionata per il progetto formativo di Markas Lift
Articolo successivoLa pieve di Santa Giustina a Palazzolo