Giancarlo e Sabrina Bonamini.
Giancarlo e Sabrina Bonamini.

Frantoio Bonamini, Fondazione Più di un Sogno e Ristorante La Cru. Sono queste tre realtà veronesi a dare vita a una progetto di solidarietà in cui l’olio diventa filo conduttore tra il food e il sociale. Ad inaugurare la collaborazione, domani, sabato 17 settembre, nella sede del Frantoio a Illasi, si terrà un evento per presentare un progetto basato sulla sussidiarietà dal titolo “Pensare Globale e Agire locale”.

A fare gli onori di casa con una conferenza stampa, alle 11.30, Frantoio Bonamini che continua il suo impegno per un’azienda sempre più  responsabile e, facendosi promotore di questo evento, rimarca la sua continua attenzione verso una  sostenibilità ambientale e sociale a 360 gradi. Da oltre 10 anni Bonamini ha avviato un percorso di recupero, riciclo e valorizzazione dei  sottoprodotti della lavorazione delle olive. 

Frantoio Bonamini
Una visita al Frantoio Bonamini

Packaging certificati e sostenibili con uso  responsabile delle  risorse  forestali, adesione al progetto  Oli.va.re per studiare e riutilizzare gli scarti della lavorazione dell’olio, collaborazioni sinergiche con  Università  italiane e internazionali per spiegare i benefici  dell’olio, promozione e  valorizzazione territoriale con grande attenzione rivolta all’innovazione. La famiglia Bonamini in questi anni non si è mai fermata, anzi.  

Assieme a Frantoio Bonamini anche lo chef stellato Giacomo Sacchetto. Ristorante La Cru persegue una filosofia in cui la tecnica si  amalgama con il gusto in creazioni che scommettono sulle materie prime. Ogni piatto si trasforma in  un’esperienza ampia  che  conduce alla scoperta  dei  sapori,  della  tradizione e  dell’ospitalità  di  una  terra. 

Giacomo Sacchetto
Giacomo Sacchetto

Coltivare il gusto” per Sacchetto significa proprio questo: una cucina concreta capace di valorizzare il territorio attraverso il cibo. 

Una scommessa così virtuosa non poteva fermarsi ai numerosi riconoscimenti conseguiti e al successo  di un ristorante. Il 17 settembre in Località S. Giulia ad Illasi, tutti i presenti potranno assaporare in prima persona la  visione dello chef stellato che, per l’occasione presenterà una torta realizzata con l’olio extravergine  d’oliva di Frantoio Bonamini. 

A  supportarlo  nella  preparazione della  ricetta una  brigata  d’eccezione: i  ragazzi del laboratorio di cucina Good food di Fondazione Più di un Sogno.

Marco Ottocento
Marco Ottocento

Fondazione Più di Un Sogno nasce dalla visione di un gruppo di famiglie, tra cui l’imprenditore sociale  Marco Ottocento e  da  15  anni si  prende  cura  di  giovani  con disabilità  intellettiva sostenendoli  e  aiutandoli a migliorare la qualità di vita attraverso iniziative concrete, basate sulla  relazione con il  territorio e la comunità circostante.  

In un’ottica di generatività VALEMOUR, marchio sociale della Fondazione e la cooperativa sociale Vale  un  Sogno,  creano ed erogano percorsi  di  autonomia  sociale  e  lavorativa  per  dare  a  ragazzi  con  disabilità di diverse fasce d’età, l’opportunità di inserirsi nella collettività rispondendo al bisogno di  un futuro più inclusivo. 

banner-gif
Articolo precedenteL’editoriale di Pantheon 136
Articolo successivo30 anni di volontariato, il 1° ottobre a Verona il focus di CSV