Si è conclusa nel fine settimana la raccolta annuale di beni per i senza dimora organizzata da UDU- Unione degli Universitari di Verona, Rete degli Studenti Medi e associazione Yanez. Da lunedì a venerdì, per 5 giorni di fila, è stato possibile donare beni di vario tipo, poi consegnati dagli organizzatori alla Ronda della carità e l’associazione One Bridge to Idomeni.

«Siamo veramente contenti di come è andata la raccolta. Durante questi 5 giorni sono stati in tantissimi a donare: cibo, vestiti, coperte e tanto altro. È così che Verona si dimostra solidale verso gli ultimi, gli esclusi e gli emarginati» afferma Laura Bergamin, coordinatrice di UDU Verona.

«Per noi la raccolta è un’occasione per creare rete di solidarietà nella città. Abbiamo incontrato centinaia di persone durante la raccolta e sono stati contenti di poter donare beni che possano rendersi utili a chi deve affrontare il freddo, la povertà e spesso, purtroppo, l’indifferenza. Non finisce qui, il nostro impegno continuerà affinché nessuno debba più soffrire a causa di un sistema iniquo» conclude Camilla Velotta, coordinatrice della Rete degli Studenti Medi di Verona.

banner-gif
Articolo precedenteEffetto Virus: calano le donazioni. A Dossobuono papà e figlio nuovi testimonial di Fidas Verona
Articolo successivoVerona e il Gruppo Lapis. Una storia di tradizione e innovazione pubblicitaria