stile di vita sostenibile frutta verdura ortaggi

La sostenibilità delle imprese deriva anche dalle richieste da parte del mercato e in particolare dei consumatori, che da circa vent’anni stanno virando in modo evidente verso uno stile di vita e di consumo maggiormente sensibile verso temi etici e ecologici. Prendendo ispirazione dalla campagna “CiRiesco” di Pubblicità progresso, le principali aree dello stile di vita sostenibili possono riassumersi in: abitare, acqua, aria, cibo, energia, mobilità, rifiuti, salute. Per ognuna di queste aree ci sono azioni suggerite per essere efficaci, che tutti siamo chiamati a fare nostre per contribuire a un valore condiviso che sia intergenerazionale, con la consapevolezza che le risorse naturali sono limitate e necessarie a tutte le generazioni presenti oggi e che arriveranno nel futuro, e intragenerazionale, cioè rispettoso dei diritti di benessere fondamentali dell’uomo nei processi produttivi e di consumo, oggi e in futuro.

Area abitare

  • Ridurre gli sprechi di energia rinnovando il sistema di illuminazione a led e prediligendo elettrodomestici efficienti, spegnendo o staccando la spina della corrente degli elettrodomestici non utilizzati;
  • Ridurre gli sprechi di acqua pulita con aeratore per rubinetto e placca di comando del wc;
  • Transitare verso fornitori e sistemi ad energia rinnovabile;
  • Mantenere controllata la temperatura della casa;
  • Prevedere uno spazio per la raccolta differenziata;
  • Aggiustare, vendere o donare beni non più utilizzati;
  • Utilizzare materiali da costruzione e da arredamento proveniente da materie rinnovabili e certificate ecologiche.

Area acqua

  • Tenere aperto il rubinetto solo quando necessario e chiuderlo sempre quando non utilizzato;
  • Preferire la doccia alla vasca, per ridurre i litri di acqua utilizzata durante l’igiene personale;
  • Preferire l’uso serale di lavastoviglie e lavatrice, preferibilmente a pieno carico;
  • Lavare frutta e verdura in una bacinella di acqua pulita, evitando di utilizzare acqua corrente;
  • Non buttare agenti inquinanti e olii nel lavandino;
  • Recuperare le acque piovane per uso esterno.

Area energia

  • Utilizzare sistemi di illuminazione, riscaldamento, raffrescamento ed elettrodomestici a risparmio energetico;
  • Coibentare l’edificio attraverso pannelli esterni o interni alle murature, serramenti, caldaie e tende di ultima generazione;
  • Utilizzare l’energia elettrica solo quando necessario.

Area aria

  • Evitare prodotti che rilasciano sostanze nocive;
  • Prediligere l’utilizzo di mezzi condivisi;
  • Acquistare prodotti a km0 per evitare un maggior inquinamento dovuto al trasporto della merce;
  • Ridurre sprechi di energia termica e di elettricità;
  • Acquistare prodotti che certificano la riduzione e compensazione della CO2 emessa nella loro produzione.

Area cibo

  • Acquistare cibo a km0 e di stagione, con certificazioni di eticità delle filiere o di qualità degli ingredienti;
  • Preferire prodotti con confezioni ridotte o assenti e prodotte con materiali riciclabili, meglio ancora se biodegradabili;
  • Ove possibile autoprodursi il cibo, in particolare materie prime con orti domestici o urbani.

Area mobilità

  • Preferire mezzi condivisi o pubblici come bus, bicicletta, monopattino, auto e scooter e car pooling al lavoro;
  • Per brevi tragitti prediligere spostamenti leggeri a piedi, in bicicletta o con il monopattino;
  • In caso di nuovo acquisto dell’auto prediligerne una ibrida o elettrica;
  • Manutenere il veicolo privato al meglio, sia per la sicurezza sia per ridurre al massimo le emissioni;
  • Utilizzare lo strumento start&stop, spegnendo il motore nei momenti di coda e incroci.

Area salute

  • Adottare scelte alimentari sane e azioni di prevenzione;
  • Praticare esercizio fisico in modo regolare e non eccessivo;
  • Esporsi al sole con attenzione;
  • Svolgere controlli di salute periodici;
  • Non fare azioni dannose alla salute;
  • Assumere solo i farmaci prescritti.
banner-gif
Articolo precedenteUn modello di sostenibilità concreta e condivisibile
Articolo successivoLa persona, prima di tutto