Domenica 11 febbraio, alle 21, i sociologi e scrittori Francesco Alberoni e Domenico De Masi, dialogheranno sul tema «L’amore e la solidarietà». La serata, dedicata all’amore e alle sue sfaccettature, in occasione di San Valentino, è realizzata da MAN Truck & Bus Italia.

 

Alberoni e De Masi sono due dei maggiori esponenti della sociologia italiana e volti noti della televisione che, nella serata di domenica 11 febbraio, parleranno dell’amore, delle sue connessioni e della ricerca della felicità. L’incontro, con ingresso libero (biglietti disponibili su www.eventbrite.it e al Box Office di via Pallone a Verona fino ad esaurimento posti), si suddividerà in tre momenti.
Il primo intervento sarà quello di Francesco Alberoni, che affronterà il tema dell’amore. È l’autore di «Innamoramento e amore», l’opera che lo ha reso celebre a livello mondiale, tradotta in oltre 20 lingue. Negli anni successivi alla stesura del libro Alberoni ha proseguito nello studio dei processi amorosi, diventandone uno dei maggiori esperti planetari. Rettore all’Università di Trento e dello IULM di Milano, Alberoni ha catturato l’attenzione degli italiani per quasi 30 anni con la sua rubrica sul Corriere della Sera «Pubblico e privato».

A seguire, Domenico De Masi, professore emerito di Sociologia del lavoro all’università La Sapienza di Roma, autore di numerosi saggi ed editorialista e collaboratore delle maggiori testate giornalistiche italiane, nonché opinionista in numerosi talk show televisivi. Il suo intervento verterà sul nuovo concetto di solidarietà e competitività nell’epoca post-industriale, secondo cui «un giorno non sarà più il desiderio di guadagno a motivarci, ma il desiderio di felicità», come esprime nel suo «Una semplice rivoluzione» (Rizzoli).
Al termine dei due interventi, che saranno moderati dal direttore di Telearena, Mario Puliero, i due ospiti dialogheranno tra di loro, lasciando spazio anche a interventi e domande del pubblico.
L’organizzazione dell’evento è curata dall’agenzia veronese Must-In.

Articolo precedentePantheon 87
Articolo successivoLa montagna invernale, la grande sottovalutata