Domani sera c’è la finale del Premio Roberto Rizzini. L’evento è stato ideato dall’associazione BogOn che ha pensato anche ad una passeggiata musicale itinerante con la Contrada Lorì pre-rassegna

 Il patrimonio musicale popolare può tornare a fiorire. Ci lavora da tempo l’associazione BogOn, che per domani ha in programma il Premio Roberto Rizzini, dedicato al musicista veronese nonché fondatore del gruppo Contrada Lorì.

Obiettivo del concorso, far conoscere e scoprire la musica tradizionale popolare, ma anche incentivare allo studio della musica, alla produzione di testi e arrangiamenti originali

In sintesi:

PRE-RASSEGNA

Chiesa S. Giorgio in Braida dalle 15,30 alle 18.

EVENTO

Presso la Fucina Culturale Machiavelli dalle 19

La giuria

– Tommaso Castiglioni, musicista, compositore e docente di musica;

– Federico De Vittor, musicista e compositore;

– Alessandro Nobis, cronista musicale;

– Zeno Baldi, musicista e compositore;

– Paolo Alberto Caneva, musicista, compositore, docente di musicoterapia e al conservatorio di Verona;

– Giannantonio Mutto, musicista, compositore, docente di musicoterapia e al conservatorio di Verona.

I candidati alla prima categoria, “Cantautorato”

– De’ Soda Sisters, gruppo formato da Veronica Bigontina, Lisa Santinelli e Benedetta Pallesi;

– Giulio Deboni, musicista, cantautore e membro dei C+C Maxigross;

– Leonardo Gallato, poeta e cantautore;

– The Hot Teapots, quartetto fondato da Michele Bombatomica;

– Francisq Garau, musicista e cantautore;

– Andrea Pedrotti, musicista e cantautore.

Il singolo o il gruppo vincitore riceverà 800 €.

I candidati alla seconda categoria, “Arrangiamento”

– De’ Soda Sisters, gruppo formato da Veronica Bigontina, Lisa Santinelli e Benedetta Pallesi;

– Quartino Divino, gruppo di musicisti formatosi appositamente per il premio Roberto Rizzini.

– Semi Acustici, gruppo di musicisti folk che ha dedicato un album alle poesie di Berto Barbarani.

Il singolo o il gruppo vincitore riceverà 500 €.

Per la “Targa Tinca”, BogOn ha scelto di far partecipare:

– Improschegge, un gruppo di impro-attori che affrontano l’imprevisto con un sorriso;

Oltre alla targa, è in palio un cesto di prodotti eno-gastronomici tipici del territorio.

Presenteranno l’evento: Paolo Marrocchio e Francesco Scardoni.

La realizzazione dell’evento non sarebbe stato possibile senza l’ausilio di:

– Agrobirrificio Maso Alto;

– Vini Tasi;

– Locanda Lo Speziale Verona;

– Osteria La Mandorla Verona;

– Don Rizzini, i familiari e gli amici più intimi di “Bobby”.

banner-gif
Articolo precedenteCos’è il bitcoin, lo spiegano gli esperti
Articolo successivo#Testadilegno: uno spettacolo danzante contro il bullismo