Nel 1982 si spegneva per un male incurabile il grande regista italiano Elio Petri. Il Circolo del Cinema ne omaggia il ricordo il 17 novembre al Ristori.

 

In occasione del 70° anniversario, il Circolo del Cinema di Verona, attivo in città dal 1947, ha deciso di condividere la ricorrenza con quella di Elio Petri grande regista italiano,  scomparso il 10 novembre di 35 anni fa.  Il 17 novembre, a partire dalle ore 20, il Circolo del Cinema presenterà al Teatro Ristori una serata in omaggio al regista: sarà ospite Paola Pegoraro Petri, vedova del regista, che converserà con il pubblico e presenterà il documentario da lei prodotto Elio Petri. Appunti su un autore, premiato alle Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia.
Seguirà la proiezione de La decima vittima, straordinaria pellicola di Petri del 1965, restaurata dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema: tratto da un racconto di Robert Sheckely, il film, sotto lʼapparenza del genere fantascientifico, nasconde una profonda e disincantata analisi sociologica dellʼuomo nellʼepoca dei mass media.

Lʼautore di Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto – vincitore dell’Oscar per il miglior film straniero nel 1971 – si spegneva a Roma nel 1982 per un male incurabile, consegnando al nostro cinema 11 straordinari lungometraggi, girati in ventʼanni di lavoro febbrile, oltre a innumerevoli sceneggiature e progetti non realizzati, che testimoniano la grande vitalità e vivacità di questa singolare figura di intellettuale, spesso frainteso e presto rimosso, per la scomodità della sua opera.