Dal 13 novembre sarà disponibile in tutti gli store digitali in nuovo brano dei Facciascura, “Uragano”, terzo brano estratto dal secondo album della band “Stile di vita” (Cabezon/Audioglobe).

Nella rock song in continuo crescendo, si amalgamano con armonia le voci di Carlo Cappiotti e Paolo Benvegnù, (ex Scisma, una delle voci più influenti di tutto il panorama indipendente italiano).

«Quando Paolo ha ascoltato il mix del nostro disco – afferma la band –  è stato immediatamente attratto da questo pezzo e si è offerto di collaborare incidendo una sua traccia vocale. Forse perché parla della magia dell’inconscio, un tema che attraversa quasi tutte le sue canzoni. O forse aveva semplicemente voglia di rock»

Sempre il 13 novembre la band scaligera, formata dai fratelli Carlo (voce) e Francesco Cappiotti (chitarrista e compositore), Chris Meggiolaro (basso), Philip Romano (chitarra) e Simone Marchioretti (batteria), si esibirà al Kilometro 01 di Dolo (Ve). Seguirà una serie di date nei club del Nord Italia, tra Veneto, Lombardia e Friuli Venezia Giulia.

Il progetto Facciascura nasce a Verona alla fine degli anni ’90. L’esordio avviene con il disco “Quanti ne sacrificheresti?” (Vrec/Venus, 2010) prodotto da gianCarlo Onorato (ex leader degli Underground Life) ed Andrea Viti (Karma/Afterhours). Nell’album è presente anche la cover del brano “Il cielo” dei Karma, in duetto con David Moretti, storico cantante della grunge band milanese. Nel lungo tour promozionale si esibiscono in diversi festival aprendo tra gli altri, per Marlene KuntzKarma ed Extrema. Nel 2014 è pronto “Stile di vita” (Cabezon/Audioglobe), secondo album dei Facciascura(prodotto da Andrea Viti, Francesco Cappiotti e Luca Tacconi) che contiene collaborazioni prestigiose con Shawn Lee (amico e collaboratore di Jeff Buckley e geniale compositore di colonne sonore per Hollywood), Paolo Benvegnù e col percussionista Alessandro “Pacho” Rossi (Karma, Morgan, James Taylor, etc.).

banner-gif
Articolo precedente“Walk”, il nuovo singolo di Veronica Marchi
Articolo successivoFieracavalli, bene il binomio sport e turismo in sella