Il “cantascrittore” veronese ha imbastito, con l’ultimo album presentato a fine ottobre, la figura del fantasma baciatore, una sorta di Don Giovanni della nostra attualità ferita. E in un tempo quasi rapinato dalla «moderna frenesia citazionistica», ha appena scritto un libro che è una guida agli aforismi perché «sono evocazioni di verità».

 

Guarda l’intervista: