Sul muro di cinta dell’ex Caserma di Santa Marta da oggi è raffigurato un terribile mostro che viene ammansito dalle preghiere di Santa Marta, nella cittadina medievale di Tarascona. Un progetto realizzato dal Festival Biblico con Eye Lab Design che guarda alla riqualificazione del quartiere

Rappresenta la leggenda di Santa Marta, immagine dell’ordine naturale che affronta un mostro marino citato nella Bibbia, la Tarasca. Sullo sfondo la città di Tarascona, nelle sue fattezze medievali. Il nuovo murale sorge sul muro di cinta dell’ex Caserma di Santa Marta ed è frutto della collaborazione tra Urbanistica e Patrimonio del Comune. A mettere su tela l’idea nata dal Festival Biblico è la compagnia di artisti di Eye Lab Design, che hanno interpretato la leggenda richiamando sul volto di Santa Marta la Madre Natura di Leonardo Da Vinci.

L’opera è stata realizzata infatti grazie al finanziamento della ditta Dolci Colori.

Sulla tela, e non sul muro come si potrebbe pensare, è narrata la leggenda di Santa Marta, che con le sue preghiere riesce ad ammansire il terribile mostro Tarasca, che terrorizzava la città di Tarascona.

Il muro dell’ex Caserma di Santa Marta èinfatti sottoposto a vincoli, per questo si è reso necessario l’utilizzo di un supporto temporaneo su cui disegnare.