Inaugurato oggi il nuovo Centro Documentazione “Verona Città fortificata-Patrimonio mondiale Unesco”, con sede all’interno del Bastione delle Maddalene, il cui restauro è stato da poco concluso.

Al pubblico sarà aperto inoltre la prima parte del Parco delle Mura, nel tratto compreso tra la breccia di Porta Vescovo e il Bastione delle Maddalene: intervento, quest’ultimo, realizzato nell’ambito del “Programma complesso per il recupero delle aree delle ex caserme Passalacqua e Santa Marta”.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno presso parte gli assessori all’Edilizia monumentale Edoardo Lana, all’Urbanistica Gian Arnaldo Caleffi, al Decentramento Antonio Lella, il Consigliere incaricato alla Cultura Antonia Pavesi, il presidente della Commissione consiliare 3^ Francesco Spangaro. Erano presenti il Soprintendente alle Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza Fabrizio Magani e la responsabile dell’Ufficio Progetti strategici e Politiche comunitarie della Regione Veneto Rossella Riccato.

Il Centro di Documentazione sarà aperto tutti i giorni dalle 9 alle 13,15 (escluso il lunedì), con accesso libero, come ha specificato anche Antonia Pavesi, che ha poi ricordato: «Grazie a un attento e importante lavoro di restauro e recupero viene restituito al pubblico un bastione che ripercorre una fase storica importante per la città e il suo territorio. La realizzazione di un Centro di Documentazione rappresenta quindi una tappa molto significativa nel processo di valorizzazione della Cinta Magistrale di Verona: diventerà il primo spazio strutturato per diffondere la conoscenza dell’immenso patrimonio monumentale costituito dall’architettura militare veronese, grazie al quale l’Unesco ha inserito la nostra città nella World Heritage List».