Con il loro video “Stacca la spina” gli studenti della scuola professionale ENGIM Veneto di Verona vincono il primo premio per la categoria “Riduzione degli sprechi” alla Call SOS! Seeds of Sustainability promossa dalla Scuola di
Cittadinanza Europea e dalla Fondazione Feltrinelli
riservata alle scuole secondarie di II grado di tutta Italia.

«Abbiamo scelto di partecipare a questo progetto – spiega Paola Merci, responsabile della sede Engim Veneto di Verona Chievo – per sottolineare l’importanza di questi temi e dare valore al percorso che Engim Veneto ha intrapreso per promuovere la sostenibilità nella scuola, lavorando insieme ai giovani alla costruzione di un futuro che possa essere sostenibile». Il percorso è iniziato proprio dalla sede della scuola professionale Engim Veneto di Verona-Chievo con l’auspicio di estenderlo a tutte le altre sedi.

Engim Veneto è una fondazione senza scopo di lucro che ha come finalità la promozione dei valori civili e umanitari nelle persone. Opera nella formazione professionale per i giovani, gli adulti e per le imprese. A Verona Engim Veneto è presente in tre sedi: al Chievo, a San Michele e a Villafranca, con percorsi negli ambiti meccatronico, carrozzeria, termoidraulico ed elettrico. «Dovevamo produrre un breve video su una delle due categorie tematiche proposte: la mobilità sostenibile e la riduzione degli sprechi intervistando persone e aziende del nostro territorio che potessero raccontare la loro storia attraverso di noi e diventare veri e propri semi di sostenibilità» sottolinea la professoressa Luisa Zamperini che ha coordinato il progetto insieme ai professori Rosa Todde, Valerio Veronese, Maurizio Corsetti e Davide Adami.

I video presentati

La sfida in tema di clima e ambiente richiede una risposta urgente e ambiziosa: è una partita a cui tutti siamo chiamati a partecipare, a maggior ragione nella scuola. Da qui è nata l’idea dei ragazzi della classe 2B di Engim Veneto Scaligera Formazione Verona di produrre un video dal titolo già persuasivo: “Stacca la spina” . Viene affrontato il tema del risparmio energetico, uno dei pilastri della transizione energetica, in modo divertente e con un pizzico di ironia grazie all’interessante intervista a Claudio Accordi, perito elettronico.

I ragazzi hanno prodotto altri due video, uno dei quali ha ricevuto una menzione speciale: i ragazzi della 1^ C hanno presentato un video sul tema della raccolta dei rifiuti incentrato su un’intervista doppia molto divertente con il coinvolgimento di Elisabetta Adami di Famiglie Rifiuti Zero.

Un terzo video “Dallo spazio alla terra” è stato realizzato dai ragazzi della classe 1^ B che hanno intervistato Ermes Perinelli, laureato on Ingegneria Spaziale e oggi bioagricoltore che ha fondato l’azienda Ortogiochi di Bussolengo. Il video permette di scoprire tecniche come la permacultura e la biodinamica, che attraverso l’uso di tecnologie avanzate entrano in sintonia con la natura e la terra.

Articolo precedentePietro Zuccotti, dall’impegno nel sociale ad Alfiere della Repubblica
Articolo successivoBosco Chiesanuova: è un successo il progetto “Ragazzi si danza”