Una mostra sui diversi modi di curare le malattie in un continente come l’Africa. Magia e Medicina racconta la convivenza, talvolta difficile, di sacro e profano grazie a immagini scattate dal fotografo Massimiliano Troiani tra la gente incontrata nel corso di 20 anni di esperienza.

Sarà un viaggio fotografico all’interno di oltre 10 Paesi africani a raccontare la difficile convivenza tra medicina e magia nell’immaginario collettivo. La mostra Magia e Medicina, curata dal fotografo Massimiliano Troiani, sarà inaugurata venerdì 2 febbraio alle 18 nel Museo Africano di Verona e sarà visitabile fino all’11 marzo.

Gli scatti di Troiani, realizzati in oltre 20 anni di viaggi in Africa, immortalano i diversi scenari del territorio della malattia, che si alterna tra riti di guarigione sciamanici e cure scientifiche tradizionali. Tutto ciò viene raccontato attraverso gli sguardi delle persone incontrate sul cammino, inconsce custodi di grazia e bellezza nonostante la malattia. Nel catalogo della mostra, allestita da Laura Fasciolo, si leggerà la prefazione dell’antropologo Marco Aime, che spiega le complessità culturali del percorso presentato.

Massimiliano Troiani, fotografo, regista teatrale e cinematografico, realizza documentari e servizi fotografici viaggiando tra Africa, India e America Latina. I suoi lavori raccontano, in particolare attraverso il ritratto, le periferie urbane, i villaggi rurali e i più diversi luoghi di culto, ovvero gli ambienti dove convivono gesti, atteggiamenti e sguardi che sembrano appartenere alle più disparate (e fragili) tradizioni culturali e ai differenti modelli economici.

Il biglietto per l’ingresso alla mostra e la visita al Museo Africano ha un costo di € 5 per gli adulti e di € 3 per i bambini. La mostra è stata organizzata da Museo africano e Fondazione Nigrizia onlus, con la partnership di Mibact-Ministero dei Beni delle attività culturali e del turismo.

Per informazioni: Museo africano – Missionari Comboniani, vicolo Pozzo 1,  Verona
Tel. 045 8092199 – info@museoafricano.org – www.museoafricano.org .

banner-gif
Articolo precedenteArriva il finissage di “Geometrie Preziose”
Articolo successivoCohen, il music pub di San Zeno