In ogni storia imprenditoriale, piccola o grande che sia, c’è un punto di inizio, un seme originario. Per il Gruppo Verona Network quel punto si chiama Pantheon. Protagonista della scena editoriale e giornalistica veronese da quasi 15 anni, il magazine incarna l’idea di un grande contenitore di persone, di imprese, di progetti o iniziative che lasciano il segno, da cui trarre ispirazione.

Diffuso in città e provincia in 10.000 copie cartacee e in formato digitale interattivo, per una distribuzione capillare attraverso newsletter e canali virtuali, Pantheon racconta in 80 pagine a colori le storie di chi di fronte a una difficoltà propone una soluzione, di chi di fronte a uno scenario incerto riesce a vedere delle opportunità, di chi genera valore per sé, per gli altri e per il territorio in cui vive.

Oggi il magazine del Gruppo Verona Network è una realtà consolidata e riconosciuta nel contesto di riferimento, grazie a 1500 punti di distribuzione delle copie cartacee, a 7000 spedizioni digitali, a 100.000 lettori raggiunti mensilmente. Viene scelto in particolare da un pubblico femminile (54%), e in una fascia che vede maggiore attenzione tra i lettori di età compresa tra i 35 e i 64 anni. 

Il giornale era nato nel 2008, quando anche nel Veronese, come nel resto d’Italia, le conseguenze di una crisi economica globale avevano messo in difficoltà molte imprese e altrettante famiglie che vedevano minacciata la loro posizione di mercato e occupazionale. Proprio in quel periodo Pantheon ha rappresentato uno strumento di network fondamentale per rispolverare un senso di comunità a più livelli (imprenditoriale, sociale, giovanile) e permesso la nascita di “ponti” e collaborazioni sul territorio scaligero. 

Una sorta di megafono che negli anni è cresciuto, ha ampliato il raggio di azione, ha diversificato gli strumenti per raggiungere un pubblico sempre più variegato, con l’introduzione dei canali web e social, senza mai perdere, però,  il contatto con la sua filosofia fondante. Ancora oggi lo scopo di questa pubblicazione è creare relazioni e valore aggiunto per le comunità e i protagonisti del territorio.

Cinque buoni motivi per scegliere un’ADV tabellare

Da che mondo e mondo ogni giornale è caratterizzato da contenuti editoriali e spazi pubblicitari. Un connubio storico che perdura da secoli e che restituisce vantaggi sia agli editori che agli inserzionisti. Scegliere di comparire su una rivista o su un periodico con la cosiddetta pubblicità tabellare (ADV), significa acquisire visibilità e prestigio. L’esserci, anche solo con un richiamo più o meno diretto all’azienda, specie su riviste qualificate, aiuta ad aumentare la “brand reputation”, ovvero la veicolazione e la percezione del proprio marchio su canali tangibili (per il cartaceo) e virtuali (per l’online). Pantheon, da sempre, ospita sulle proprie pagine inserzionisti selezionati, che condividono assieme al Gruppo Verona Network un obiettivo di valorizzazione e custodia del territorio. 

Sono più di 1200 quelli che hanno scelto il periodico in questi anni, valorizzando la loro comunicazione istituzionale grazie ai formati a Pagina Intera, Mezza Pagina, Footer o Web Pagina Intera. 

Pantheon, già dal 2011, aveva lanciato il QR code come viatico per aumentare l’esperienza del lettore, e negli ultimi anni questa possibilità è stata estesa anche alla tabellare e all’adv commerciale. Inserendo un codice grafico all’interno dello spazio è possibile aumentare con un click dal telefono la mole di informazioni relative a un brand, attraverso l’avvio di un videoclip, dell’atterraggio a una landing page prodotto o al rimando diretto al sito ufficiale dell’azienda. 

Versatilità, economicità, prestigio e tangibilità sono i fattori che compongono il giusto mix e che rendono questo tipo di investimento sicuro e impattante sul territorio di diffusione della rivista, sia fisico che virtuale.

Iscriviti alla newsletter

A questo link puoi iscriverti alla newsletter e sfogliare in anteprima il giornale.

banner-gif
Articolo precedente30 anni di volontariato, il 1° ottobre a Verona il focus di CSV
Articolo successivoConfronto tra sanità e volontariato, in Fiera il convegno organizzato da Fondazione Fevoss