Chiamarla semplicemente associazione sarebbe riduttivo, definiamola invece “rete di aiuto” dove al suo interno, in modo sinergico ed efficace, confluiscono iniziative ed interventi formativo-culturali a sostegno della famiglia di oggi e di domani. Si perché Rete Prospettiva Famiglia, questa la denominazione ufficiale, grazie alla collaborazione delle principali agenzie educative presenti nel nostro territorio e con il supporto delle istituzioni locali, come la Sesta Circoscrizione e il Comune di Verona, si mette al servizio delle famiglie per supportarle nella quotidianità.

«Le attività dell’associazione spaziano su vari fronti» spiega Daniela Galletta, Referente Responsabile della Scuola per Genitori ed Educatori di Prospettiva Famiglia «dalla creazione di gruppi di lavoro e ascolto divisi per problematiche e classi di età; a conferenze con dibattito sugli argomenti più sentiti; all’organizzazione d’incontri tra famiglie con problematiche omogenee al fine di condividere e fornire prospettive per il superamento delle difficoltà. Ogni anno per far fronte a nuove questioni e richieste allarghiamo la nostra rete raggiungendo così più persone, affiancandole e accompagnandole». Rete Prospettiva Famiglia, che non ha scopo di lucro e ha carattere di volontariato, nasce nel 2007 grazie ad alcuni membri dell’ex-Osservatorio della Gioventù, in particolare all’ex Preside Andrea Salandra, alla Professoressa Daniela Galletta e a Don Giulio Bertazzo. «Percepito il grande bisogno di non interrompere le attività educative rivolte ai giovani, e anzi, di incrementarle, ci siamo buttati a capofitto in questa iniziativa che riuniva, inizialmente ben sei Istituti Comprensivi e diverse realtà educative. Superate le prime difficoltà del caso ci siamo ritrovati a gestire una realtà ben sopra le nostre attese, ma che non ha fatto altro che confermarci quanto da sempre ipotizzato: oggi più che mai i ragazzi hanno bisogno di risposte, di punti fermi e di sicurezze e, a dargli tutto ciò, non possono essere di certo il web, i programmi televisivi, sempre meno educativi, o gli stessi social network. I genitori e la società stessa chiedono aiuto e noi cerchiamo di darlo.

Gli obiettivi nel corso degli anni non sono cambiati: il desiderio è di allargare gli orizzonti in un’ottica sempre più ampia, avviare nuove proposte formative, per l’intera istituzione “famiglia”, coinvolgere tutte le agenzie educative del territorio e crescere insieme» spiega la professoressa Galletta. Tante le attività avviate all’interno del Centro Civico Tommasoli di via Perini, nuova sede dell’associazione, che ad oggi conta oltre trenta scuole, diversi Istituti superiori, associazioni sportive e parrocchie. Tra i corsi da menzionare, quelli incentrati sull’educazione sanitaria, sportiva e stradale; l’apertura di due sportelli gratuiti, uno come supporto psicologico e l’altro legale e tanti incontri con esperti e professionisti del settore.

Fiore all’occhiello di Rete Prospettiva Famiglia, la Scuola per Genitori ed educatori, che da oltre tre anni continua a proporre a tutti gli educatori e genitori, validi momenti di riflessione, crescita e formazione. Essa rappresenta un punto di convergenza per tutte le agenzie educative della Rete e motivo di vanto per la stessa associazione. «La grande e sentita partecipazione delle famiglie nel corso degli anni e le preziose indicazioni ricevute dai numerosi questionari di gradimento compilati, motivano il nostro impegno e ci spronano a continuare questa necessaria sfida educativa. I nostri figli ci osservano e verificano ogni giorno la nostra coerenza: nel rispetto delle regole, nell’assolvimento del dovere personale, nella tutela dei diritti, nella ricerca dei grandi ideali. Prospettiva Famiglia vuole diventare sempre più un luogo privilegiato d’incontro e di scambio di reciproche esperienze per essere un supporto educativo per lo sviluppo della solidità etica del nucleo familiare: un servizio che Prospettiva Famiglia desidera offrire soprattutto a chi crede ancora nei valori di una famiglia sana, per una società migliore».

banner-gif
Articolo precedenteUn’altra prospettiva
Articolo successivoSpazio all’eccellenza