Per “Dorsale” si intende la collina che unisce  la Valsquaranto alla Valpantena, che pure appartiene alla Circoscrizione 8 del comune di Verona (fino a Marzana), frazione che confina con Grezzana. Questa pubblicazione, scrivono gli organizzatori, «è nata per valorizzare l’enorme patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale delle due comunità».

«Si riparte per un nuovo viaggio», recita la locandina, mentre Marco Girardi nella presentazione «invita i lettori a salire a bordo per continuare ad esplorare il territorio, per conoscere meglio i luoghi, i boschi e i monumenti, per lasciarsi trasportare dalle suggestioni del tempo passato, per ricordare gli uomini e le donne che non sono più con noi e per dare senso e spessore al tempo presente».

Questa particolare edizione de I Quaderni della Dorsale, inizia con la rubrica «La tradizione», ricordando la famosa «Società ciclistica Montoriese», passando per la scoperta di una «passeggiata primaverile a Montorio di 60 anni fa» e  «dall’Ospedal dei Mati»  – a raccontare la vita, il lavoro e la follia, la penna (anzi il pennello) di Marcellino Dal Dosso, pittore conosciuto per la sua sensibilità e i suoi tenui colori – per soffermarsi poi sul «Covid-19: storia di una pandemia».

Qui l’Associazione Montorio Veronese racconta «la Quarantena», attraverso un viaggio, denso di emozioni. Marco Girardi chiarisce questa «esperienza di reclusione forzata è addolcita, in molti casi dalla presenza di un giardino, che è una delle caratteristiche che contraddistinguono i modi di abitare delle due vallate». Il racconto però si completa nell’ultimo capitolo «La Pandemia vista dai ragazzi», dove gli alunni, di alcune classi della scuola primaria di Mizzole e della secondaria dell’Istituto Caperle di Marzana, hanno descritto la loro DAD (didattica a distanza), trasformata in esperienza di vita. Pagine davvero ricche di suggestioni.

In mezzo al testo altri autori approfondiscono l’ambiente, la storia, l’arte e  evidenziano gli «sconosciuti ma illustri». Storie talvolta conosciute come, ad esempio,  quella del brigante «Francesco Falasco» e del rapimento di «Angela Lonardi», che però presentano risvolti nuovi. Già le ricerche continuano. Sono 321 pagine che si sfogliano volentieri e con piacere ci si sofferma sui capitoli più attinenti al nostro desiderio di conoscenza.        

 

E’ possibile acquistare una copia del libro (15 Euro) a Montorio:  al Glam Caffè  (distributore Agip) Ponte Florio;  alla Cartolibreria «Lo Scrittoio» Piazza Buccari, all’Edicola di Via Olivè; a Poiano:  agli Alimentari edicola I Manetti, Via Poiano 43; a Grezzana: alla Tabaccheria Centrale (Via Roma 33), oppure prenotandola scrivendo a: Montorioveronese@gmsil.com. Ciò in attesa che passi questo periodo di pandemia e si possa presentare il libro al pubblico.  

banner-gif
Articolo precedenteLa mia vita in un “Trip”
Articolo successivoRicerca e cuore, nei laboratori Perbellini nascono nuove golosità