Doppio appuntamento al Teatro Ristori per questo weekend con

Doppio appuntamento al Teatro Ristori per questo weekend con “Cronache della nuova Italia” e “Memorie di una laurea”.

Entrambi gli spettacoli in programma nel weekend sono di Alessandro Anderloni e sono stati realizzati con i laboratori di teatro de le Falìe per favorire il teatro a scuola, come strumento educativo, didattico e culturale.

Venerdì 12 maggio, ore 20.30 la Compagnia Teatrale Pietro Sossai dell’ITS Marco Polo di Verona presenta “Cronache della nuova Italia” di Alessandro Anderloni con la regia di Marco Pomari. L’Italia e la nuova Italia, gli italiani e i nuovi italiani, i nostri vecchi e nuovi vizi e virtù.

Nove quadri e uno sguardo ironico, perfino spietato, su quello che chiamiamo integrazione, multiculturalismo, globalizzazione e che si traduce nelle scelte di vita di tutti i giorni: il nuovo fidanzato della figlia, un matrimonio osteggiato, la necessità di una badante, l’affitto di un appartamento, la fila all’ufficio immigrazione, l’acquisto di prodotti tipici. Come novelli Maria e Giuseppe, esuli e rifugiati giungono nella “bella Verona”, ma le porte chiuse che troveranno non saranno solo quelle dei veronesi.

Sabato 13 maggio, ore 20:30 la Compagnia Teatrale del Liceo Angelo Messedaglia di Verona presenta “Memorie di una laurea” scritto e diretto da Alessandro Anderloni con la regia di Marco Pomari. 1992, 2017, 2042: cinquant’anni, tre feste di laurea, tre generazioni a confronto. In casa Bellotti si festeggia, venticinque anni dopo quella del padre, la laurea in medicina del figlio.

Oggi come allora piove, i parenti recitano la loro parte in società, i figli si confrontano con i desideri dei padri, gli amici vengono a rompere gli equilibri. Oggi come allora un figlio è costretto a seguire una strada che non è la sua, che si adegui o si ribelli ai voleri della famiglia poco importa. Basteranno due generazioni, o anche la terza farà gli stessi errori? Un crudo ritratto di una famiglia piccolo borghese.

Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.

banner-gif
Articolo precedentePrima Maratona del Pellegrino, da Verona al Santuario della Madonna della Corona
Articolo successivoDove vai se la barba non ce l’hai?