Dal 12 maggio all’11 giugno 2017 Cà dei Carraresi ospita le mostre di tre artisti veronesi. Tutte e tre sono curate dall'Associazione Quinta Parete.

Dal 12 maggio all’11 giugno 2017 Cà dei Carraresi ospita le mostre di tre artisti veronesi. Tutte e tre sono curate dall’Associazione Quinta Parete.

Guido Pigozzi è uno dei tre artisti veronesi presenti da venerdì 12 maggio a Treviso. “Impressioni dissolte” è la sua nuova personale. Un percorso, quello di Pigozzi, iniziato da paesaggista quasi quarant’anni fa e che, negli anni, è andato mutando, all’insegna di una continua e sempre incessante ricerca. Attraverso 150 opere, la mostra racconta il mondo fresco e azzurro delle colline veronesi, l’energia intensa dell’archeologia industriale e la moltitudine coloristica, energica, materica e libera, dell’astratto.

La prestigiosa sede museale si appresta a ospitare anche una delle più apprezzate scultrici italiane contemporanee, Sabrina Ferrari. L’artista sarà protagonista di “Modus vivendi”, mostra antologica che vedrà circa quaranta opere snodarsi in un avvincente percorso.

Ca’ dei Carraresi, che si è spesso caratterizzata per aver ospitato mostre di contemporanei, all’insegna di un’apprezzata selezione in ambito moderno, con Sabrina Ferrari, omaggia l’energia della scultura, fascino d’indubbia forza grazie alla particolare resa e agli effetti cromatici che hanno consacrato l’artista a livello internazionale.

Il colore, con il suo affascinate alternarsi tra cromie ora accese e ora tenui è invece il protagonista assoluto di Percorso immaginario tra i sentieri dell’anima, personale dell’artista Vittorio Carradore. L’esposizione presenta circa cento opere a olio, sintesi del percorso pittorico dell’artista.

Sono opere, quelle di Carradore, che narrano dorsali e colline dal fascino coloristico unico, campi di grano e distese innevate di struggente poesia. Prerogativa del pittore è una tavolozza dai colori intensi e audaci in grado di trasmettere sia l’energia delle avanguardie sia la poesia delicata del chiarismo.

Le tre mostre sono curate da Federico Martinelli e sono aperte tutti i giorni dalle 11.00 alle 20.00, con ingresso gratuito. L’incontro con gli artisti e la presentazione delle mostre, a seguito del raduno degli Alpini, è posticipata a sabato 20 maggio alle 11.00.