Una scelta politica che certamente non passerà inosservata. Massimo Bubola, apprezzato cantautore e musicista veronese, ha accettato la proposta di Alessandra Moretti di entrare nella lista civica che correrà alle prossime elezioni regionali venete.

Alessandra Moretti, candidata governatrice del Veneto per il Partito Democratico, ha convinto il famoso cantautore con un invito speciale. Bubola lo racconta così. «Mi è stato chiesto di dare una mano a un progetto politico che crede nel coraggio di cambiare».

Il poliedrico artista veronese, firma riconosciuta anche nei campi della produzione e della poesia, si è già messo all’opera per la sua candidatura, evidentemente proiettata nella sezione cultura. Il suo primo obiettivo? «Voglio mettere l’esperienza di un’intera carriera a disposizione della gente, portando idee e progetti che facciano crescere la cultura in Veneto e la rivalorizzino fin dalle scuole elementari».

Il fine ultimo di Bubola quindi sarà quello di rimettere in circolo iniziative che consentano ai professionisti dell’arte di salvaguardare le proprie posizioni lavorative, creandone possibilmente di nuove. Come intende il cantautore perseguire questo obiettivo? «Ci vuole qualcosa di nuovo per salvare quello che c’è. Verona, in tal senso, può essere il mio laboratorio ideale. La mia città infatti è al contempo città dantesca e shakespeariana e questo sin dall’immediato potrebbe permettere di costruire stagioni teatrali di incredibile rilievo, con iniziative speciali come il Teatro in riva all’Adige».

Infine ecco lo slogan della campagna elettorale di Massimo Bubola. «Idee e Progetti per ridare slancio a una cultura desertificata».

In allegato una breve biografia del cantautore scaligero, nato a Terrazzo nel 1953.

Alessio Faccincani

banner-gif
Articolo precedenteEditoriale
Articolo successivoLa tragedia assurda del Vajont al Multisala Rivoli