"Restituire una delle verità, probabilmente la più scomoda, sulla tragedia del Vajont: la verità giudiziaria". Questa la ragione che ha spinto il regista padovano Nicola Pittarello a portare sullo schermo “Vajont, una tragedia italiana”. Il documentario, che sarà proiettato stasera, lunedì 27, al Multisala Rivoli, alle ore 20.30, ripercorre i momenti salienti della tragedia che, il 9 ottobre del 1963, causò la morte di quasi 2 mila persone a Longarone, nella valle del Piave. Attraverso la lettura di lettere dei protagonisti dell’epoca e immagini storiche alternate a spettacolari riprese con un drone in volo sul Vajont, il film offre spunti di riflessione inediti sulla vicenda che continua ancora oggi a turbare le coscienze. Una frana che si poteva prevedere? Il lavoro di Pittarello ha indagato i tempi e le ragioni che hanno mosso l’ideazione della diga fino ad arrivare al triste esito di quelle migliaia di vite spazzate, nella notte, dall’ondata di acqua.
Il riferimento del regista è partito dai documenti processuali custoditi presso l’Archivio di Stato di Belluno fino a giungere alle motivazioni e alle tappe di uno dei progetti più ambiziosi e tragici della storia italiana, osservandone la storia alla luce delle dichiarazioni dei responsabili, dei documenti sequestrati i giorni successivi il disastro, e della testimonianza del giudice istruttore del processo del Vajont dott. Mario Fabbri.
Il Vajont, ricorda ancora il regista, «è stato un enorme fallimento. Un evento che non potrà mai trovare pace nei cuori dei superstiti e della nazione intera. Nel dolore più profondo tuttavia nascono le esperienza e le testimonianze di umanità più significative». Ne è esempio chiaro la rinascita di Longarone e della valle del Piave, teatro di quel dramma incommensurabile.Secondo appuntamento veronese con il cinema d’autore del Veneto Film Tour, la visione di “Vajont, una tragedia italiana” sarà introdotta dal direttore artistico del Film Festival della Lessinia, Alessandro Anderloni. Durante la proiezione sarà presente in sala il regista padovano.
Il Veneto Film Tour è la rassegna cinematografica promossa dalla Regione del Veneto, dalla Federazione Italiana Cinema d’Essai delle Tre Venezie, dall’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo delle Tre Venezie in collaborazione con l’Associazione Cinerama.
Biglietto d’ingresso 3 euro. Il programma della rassegna è disponibile sui siti www.venetofilmtour.it e www.spettacoloveneto.it.

banner-gif
Articolo precedenteBubola: "Mi candido con Alessandra Moretti"
Articolo successivoEditoriale 59