Ottavo anno. Dal 2003 è passato del tempo, e il Revival Rally Club Valpantena ancora è pronto ad alzare la bandiera tricolore per una nuova edizione, ricca e fascinosa come lo sono state le precedenti. Il primo bel risultato quest’anno lo ha messo a segno l’organizzazione, che in collaborazione con tanti interlocutori, istituzionali e non, è riuscita a mettere in piedi una manifestazione solida nonostante il grande cambiamento che si sta vivendo nel campo della regolarità.

Il Revival Rally Club Valpantena infatti, non è un rally, ma una gara di regolarità sport, disciplina che coniuga la precisione delle regolarità classiche con il divertimento dei rallyes veri e propri. Questa specialità ha vissuto in questo 2010 un certo declino, segnando il ritiro di molte competizioni rispetto a quelle che stavano in calendario lo scorso anno, colpa forse della crisi economica o di una tendenza diffusa da parte di concorrenti e organizzatori di passare al rally storico.

Ma il Comitato Organizzatore RCV ha deciso di proseguire su questa strada, fino ad ora ricca di soddisfazione, e di preparare quindi l’8° Revival, che andrà in scena venerdì 12 e sabato 13, pronto a regalare come sempre tante emozioni a più e meno appassionati. L’elenco iscritti è una buona premessa per aspettarsi un week end con i fiocchi in Valpantena, occasione per il territorio di aprire le porte al grande numero di appassionati che salirà in Valpantena e Lessinia da mezza Europa nel corso del fine settimana. Questo è sicuramente un segno del bel lavoro svolto dalla manifestazione, in grado di aprire le porte turistiche della nostra zona anche ai tanti spettatori che seguiranno la manifestazione dai bordi delle strade.

Saranno ben 8 gli equipaggi stranieri in gara, sei dalla Germania, uno dalla Francia e uno dalla Svizzera, per non parlare poi di fotografi e rappresentanti media europei che hanno richiesto gli accrediti. Un totale di 209 equipaggi al via, comprendenti come al solito il fior fiore delle auto da corsa costruite dagli anni Settanta alla metà degli anni Ottanta. Non vanno ovviamente dimenticati gli ospiti d’onore della manifestazione, a partire dal pluricampione del mondo Walter Röhrl, al via con il numero 1 a bordo di una Lancia Rally 037. Ma da sottolineare anche la partecipazione di Vanni Tacchini, di Chantal Galli a navigare Beppe Volta, Micky Martinelli e la figlia Giada Todisco Grande, la coppia veronese formata da Adriano Baso e Stefano Mantica, Fiorenza Soave e Patrizia Boschini, e il giovane Simone Campedelli, promessa del rallysmo nazionale.

La partenza sarà come sempre data da Grezzana nella giornata di venerdì 12 a partire dalle ore 16:31 in Piazza Carlo Ederle. La prima tappa prevede tre PCT (Prove di Controllo Tempo). La prima, ad aprire la festa, sarà la “Busoni”, che da Grezzana sale fin sotto Rosaro. Alle 17:08 la seconda fatica, la “Casotti”, che da Grezzana sale invece dalla parte opposta fino al bivio per Negrar/Montecchio. Il gruppone scenderà quindi a San Giovanni Lupatoto per la terza PCT e poi ritornerà a Grezzana per il parco chiuso notturno alle cantine Bertani.

Sabato 13 partenza alle ore 10.00 per disputare altre sette PCT, tre da ripetersi due volte più la ripetizione della PCT di San Giovanni. Saranno protagoniste l’oramai classica “San Francesco” di 7.130km, che dall’abitato di Roverè V.se sale sino al leggendario paesino lessinico; la nuova e inedita “Pergari” da Badia Calavena a Santissima Trinità, e la “Praole”, successo dello scorso anno riproposto anche in questa edizione, che da Cerro scende a Praole effettuando anche un chilometro di spettacolare sterrato. Tra i due giri si ritornerà a San Giovanni per ripetere la “Valpantena”, disputata anche al venerdì sera. Classica cena di gala per gli equipaggi in Villa Arvedi e poi arrivo finale di nuovo in Piazza Carlo Ederle a Grezzana, dalle ore 19.00.

Sul sito <link=’http://www.rallyclubvalpantena.it’ class=’_blank’>www.rallyclubvalpantena.it</link> sono disponibili le piantine del percorso, le tabelle tempi e l’elenco iscritti. A tutti gli abitanti si ricorda che le strade interessate da PCT saranno riaperte (salvo ritardi imprevisti) per circa 30′ tra il primo e il secondo passaggio.

Matteo Bellamoli
<mail=’mailto:matteo.bellamoli@giornalepantheon.it’>matteo.bellamoli@giornalepantheon.it</mail>

banner-gif
Articolo precedenteA CERRO SI PARLA DI RINNOVABILI DUE INCONTRI SULL'ENERGIA
Articolo successivoLA LETTURA CONDIVISA: APPUNTAMENTI A CERRO VERONESE