Un tavolo da cucina ricoperto da ortaggi, taglieri, grattugie e pentole. Quattro cuochi impegnati a tritare, sminuzzare, sezionare sedani e patate. Gli ingredienti diventano i protagonisti del romanzo <italic>Le Tigri di Mompracem</italic> di Emilio Salgari: descrivono luoghi, pronunciano dialoghi, impersonano vari personaggi, dal leggendario Sandokan a <italic>La Perla di Labuan</italic>. È dedicato al grande scrittore di romanzi d’avventura, a cui è intitolato il “<italic>Premio letterario Emilio Salgari di letteratura avventurosa</italic>”, il quinto appuntamento della rassegna <italic>Voci e Luci in Lessinia</italic>. Sullo sfondo della cinquecentesca Villa del Bene di Volargne a Verona, sabato 24 luglio (alle 21) la compagnia pisana I Sacchi di Sabbia va in scena con Sandokan, o la fine dell’avventura.

La magia e le suggestioni di Emilio Salgari, indiscusso genio delle lettere cresciuto proprio alle porte di Verona, vengono riproposte nel cuore della Valpolicella in uno spettacolo (biglietto d’ingresso 10 euro) di grande ironia. Tra pentole e fornelli, quattro personaggi che indossano un grembiule iniziano a vivere e raccontare le straordinarie gesta del pirata malese. Al centro dell’azione ci sono gli ortaggi: carote che diventano soldatini e gambi di sedano che si trasformano in rigogliose foreste. Si vedono pomodori rosso sangue e patate-bombe infilzate da stuzzicadenti; cucchiai di legno affilati come spade, tovaglioli come cannocchiali, grattugie rilucenti come cannoni e coltellini capaci di tritare qualsiasi cosa si trovano davanti. In un divertente elogio all’immaginazione di salgariana memoria – perché in realtà lo scrittore veronese non si avventurò mai nei mari dell’Atlantico – una bacinella ricolma d’acqua diviene così il profondo mare del Borneo e il tavolo da cucina è la nave dei pirati oppure l’esotica spiaggia dove la Tigre di Mompracem rivive le proprie battaglie ma anche la passione per la Perla di Labuan.

I cinque attori in scena per Voci e Luci in Lessinia fanno parte del gruppo tosco-napoletano I Sacchi di Sabbia, fondato a Pisa nel 1995. Grazie alla vivacità di scrittura, creativa e irridente, di Sandokan, o la fine dell’avventura hanno ottenuto il prestigioso Premio Ubu 2008. Lo spettacolo è liberamente tratto da Le Tigri di Mompracem di Emilio Salgari. La scrittura scenica è di Giovanni Guerrieri con la collaborazione di Giulia Gallo e Giulia Solano: protagonisti con Vincenzo Illiano e Gabriele Carli.

La rassegna Voci e Luci in Lessinia prosegue domenica 25 luglio alle 18 tra le mura dell’abbazia di San Moro a San Mauro di Saline (Verona) con le improvvisazioni musicali del Mozartrio sulle note delle più celebri pagine mozartiane.

Voci e Luci in Lessinia è organizzata da Comunità Montana della Lessinia e Parco Naturale Regionale della Lessinia col sostegno di Regione Veneto, Consorzio Verona Tuttintorno e Camera di Commercio di Verona e il contributo dell’Amministrazione comunale di Ala e della Cassa Rurale Bassa Vallagarina. L’organizzazione degli eventi è affidata alle associazioni Euphonia e Film Festival della Lessinia, con la direzione artistica di Alessandro Anderloni La manifestazione fa parte dell’edizione estiva 2010 di “Provincia in Festival”, rassegna che, da giugno a settembre, raccoglie più di 1.000 eventi e spettacoli, ambientati nei luoghi più attraenti e suggestivi della città e della provincia di Verona, promosso dall’Assessore provinciale alla cultura, identità veneta e manifestazioni locali per il tempo libero Marco Ambrosini, gestito e coordinato dal Teatro Stabile di Verona-Fondazione Atlantide.

Info: Ufficio Iat Lessinia in Piazza della Chiesa 34 a Bosco Chiesanuova (VR), ore 9-13 e 14.30-18.30 (escluso il lunedì pomeriggio). Telefono 045.7050088, 347.7137233. Sito: <link=’http://www.vocieluciinlessinia.it’ class=’_blank’>www.vocieluciinlessinia.it</link>; e-mail <mail=’mailto:info@vocieluciinlessinia.it’>info@vocieluciinlessinia.it</mail>.Il programma completo della manifestazione è consultabile anche su: <link=’http://www.lessiniapark.it’ class=’_blank’>www.lessiniapark.it</link> e <link=’http://www.parchiveneto.it’ class=’_blank’>www.parchiveneto.it</link>.

Marta Bicego
<mail=’mailto:marta.bicego@giornalepantheon.it’>marta.bicego@giornalepantheon.it</mail>

banner-gif
Articolo precedenteDAL TANGO AL NUOVO TANGO CON NISINMAN E FIORMONTI
Articolo successivoNUOVO HOTSPOT WIFI GRATUITO A BOSCO (ZONA PALAGHIACCIO)