I musei sono un investimento per la crescita culturale di una società poichè hanno il potere di trasformare il mondo intorno a loro. Ed è proprio questo il tema che sarà affrontato da ICOM in occasione dell’International Museum Day che si tiene ogni anno il 18 maggio. Mai come ora è importante riflettere sul ruolo del museo nella nostra quotidianità liberandolo da vecchi paradigmi che non fanno altro che renderlo un luogo altro rispetto a noi. In realtà è vero il contrario. I musei sono nati per conservare opere d’arte e oggetti preziosi che hanno in comune l’unicità e il legame con la storia di un popolo. Conservare vuol dire evitarne la dispersione e la distruzione, ma allo stesso tempo permette di poter studiare e tutelare quel bene per tramandarlo alle future generazioni. Conoscere il nostro passato aiuta a comprendere il presente e ad aprire la mente a nuove idee, stimoli e curiosità che possono aiutare a migliorare il mondo in cui viviamo.

Il progresso non passa solo per l’indotto economico, ma anche attraverso il benessere mentale e fisico della persona che deve poter trovare un luogo ideale in cui coltivare relazioni e interessi. Se il museo sa essere accessibile e inclusivo può esserci sviluppo e viceversa. Negli ultimi due anni il digitale ha aiutato molto in questo senso, sia attraverso l’implementazione dei siti internet che attraverso l’utilizzo più capace dei social media, come ha dimostrato il caso di Palazzo Strozzi. Le nuove tecnologie aiutano anche a rendere più comprensibile la visita al museo attraverso app, chatbot, visori per la realtà aumentata, proiezioni di ologrammi e tanto altro. Ma qual è la strada giusta da percorrere? Probabilmente creare una rete di collaborazioni e uscire dai propri confini territoriali e culturali può essere una via da percorrere. A giugno si parlerà proprio di questo durante la seconda edizione della rassegna veronese “La Tavola della Cultura”. Per info: pagina Facebook “Museo Diocesano di Verona”.

GLI APPUNTAMENTI IN CALENDARIO:

    • sabato 4 giugno 2022

Denis Isaia – Curatore del MART (Rovereto)

    • sabato 11 giugno 2022

Andrea Carini – Responsabile del Laboratorio di Restauro della Pinacoteca di Brera (Milano)

    • venerdì 17 giugno 2022

Domenico De Gaetano – Direttore del Museo Nazionale del Cinema (Torino)

    • sabato 25 giugno 2022

Moira Mascotto – Direttrice del Museo Gypsotheca Antonio Canova (Possagno)

banner-gif
Articolo precedenteIn Valpolicella si va a scuola di sostenibilità
Articolo successivoUna carovana per la pace in Ucraina