ora legale - foto Ansa
Foto Ansa

Questa notte torna l’ora legale. Non esisterà l’ora fra le 2 e le 3 di domenica 29 marzo, le lancette vanno quindi spostate avanti di 60 minuti.

L’ora legale permette benefici in termini energetici. Nel 2019, secondo quanto rilevato da Terna, che gestisce la rete di trasmissione italiana in alta tensione, il risparmio in Italia è stato di 505 milioni di kWh (quanto il consumo medio annuo di elettricità di circa 190 mila famiglie). Un valore corrispondente a minori emissioni di CO2 in atmosfera per 250 mila tonnellate e a un risparmio economico pari a circa 100 milioni di euro.

Il beneficio nel 2020, specifica la società, potrà tuttavia essere influenzato dalla riduzione dei consumi registrata in questo periodo di chiusura delle attività per effetto dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Complessivamente, dal 2004 al 2019 il minor consumo di elettricità per l’Italia dovuto all’ora legale è stato di circa 9,6 miliardi di kilowattora (quantitativo equivalente alla richiesta di energia elettrica annua di una regione come la Sardegna) e ha comportato in termini economici un risparmio per i cittadini di oltre 1 miliardo e 650 milioni di euro.

Nel periodo primavera-estate i mesi che segnano il maggior risparmio energetico sono aprile e ottobre. Spostando in avanti le lancette di un’ora si ritarda l’uso della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi l’effetto ‘ritardo’ nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate e fa registrare valori meno evidenti in termini di risparmio elettrico.