Marco Turrini
Marco Turrini

LAPIS PUBBLICITÀ: UN FOGLIO DI CARTA, UNA MATITA E UNA STORIA LUNGA 30 ANNI

Lapis nasce nel 1990 come impresa individuale, fondata da Natalia Barbieri che avvia nel territorio veronese un’attività di ideazione e di produzione di materiali di comunicazione visiva, quali vetrofanie, striscioni, parte creativa e allestimento di stand fieristici. Nel 1992, lasciando un lavoro da dipendente, si unisce a lei il marito Marco Turrini, oggi amministratore unico del gruppo. «Volevo dedicarmi anch’io alla Lapis – racconta Turrini – ed espandere l’attività nella cartellonistica e nella segnaletica stradale. Dal 2006, infatti, io e Natalia abbiamo abbandonato completamente la parte degli allestimenti per dedicarci alla pubblicità visiva esterna, alla cartellonistica e alla segnaletica stradale che mostravano interessanti prospettive economiche e possibilità di reddito crescenti».

Nel 2016 l’attività si espande sulla provincia di Brescia con l’acquisizione di una sessantina di impianti nella zona del Basso Lago. Nel 2018 il balzo della crescita con l’acquisizione della Dolci srl, specializzata in cartellonistica pubblicitaria, e l’anno successivo della Nuova Tecmas, azienda che si occupa della produzione di impianti per la comunicazione in esterna. È a seguito di queste acquisizioni che nasce il Gruppo Lapis, oggi presente nelle province di Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Trento e Brescia con oltre 3.000 impianti tra cartelli pubblicitari, Rotor e impianti digitali. 

Il Gruppo Lapis è stato l’apripista per gli impianti a ledwall a Verona. Nel 2019, infatti, grazie alla collaborazione col comune di Verona, Lapis ha portato il digitale nella comunicazione visiva esterna, attraverso l’installazione di ledwall e totem digitali in città. «Il progetto sperimentale sta avendo un grande successo – racconta Turrini –, in quanto i ledwall catturano maggiormente l’attenzione dei passanti, attraverso un’illuminazione dello schermo che si adatta all’ambiente circostante (rispettando le normative regionali sulla sicurezza stradale) e immagini molto nitide. Inoltre, permettono una gestione dei messaggi da remoto, più veloce e flessibile».

Attualmente il Gruppo dispone di cinque ledwall lungo le principali vie della città, su strade particolarmente rilevanti per il business, per il turismo e per il collegamento diretto al centro storico: Viale Del Lavoro, Via Unità d’Italia, Via Dal Cero, Corso Milano e Viale Galliano. «Un altro impianto digitale per noi molto importante – aggiunge Turrini – è la pensilina di Affi, in via S.Pieretto, tra i due poli commerciali della zona. Un progetto di arredo urbano che ci ha consentito, sempre in collaborazione con le amministrazioni comunali, di offrire un servizio di riparo a coloro che attendono l’autobus e al tempo stesso di dare informazioni utili ai viaggiatori». 

Gli ultimi due anni di pandemia sono stati sicuramente molto duri, ma il Gruppo Lapis, con grande coraggio, ha deciso di fare comunque importanti investimenti, per circa 300.000 euro, in particolare nel settore digitale e in tecnologie innovative e sostenibili. «La pubblicità outdoor – spiega Turrini –, che comprende cartelli pubblicitari, tabelle segnaletiche, affissioni e impianti digitali, è un settore che ha sofferto un calo del 50% di fatturato nel 2020 a causa del lockdown. Anche il nostro Gruppo ha visto un calo del fatturato del 20%, ma quest’anno siamo riusciti a recuperare le perdite dello scorso anno, superando il fatturato del 2019 del 5% in più e raggiungendo i 2,5 milioni di euro. Il 2021 è stato un anno molto intenso, ricco di sfide, di investimenti e ci sta dando tante soddisfazioni, non ultima quella di aver aumentato anche il personale raggiungendo la trentina di dipendenti».

Il 2022 vede il Gruppo Lapis sempre in prima linea a fianco alle aziende, per offrire la migliore visibilità possibile sul territorio. Per il futuro il gruppo sta già lavorando all’installazione di un impianto digitale di 6 mq nel Comune di Garda, mentre rimane sempre alta l’attenzione verso la sostenibilità ambientale, concretizzata nell’utilizzo di inchiostri ad acqua per la stampa di carta e adesivi e in azione di riqualificazione del territorio attraverso l’installazione di pensiline, orologi pubblicitari e fioriere che decorano le città. 

Ledwall viale Galliano - Verona
Ledwall viale Galliano – Verona
banner-gif
Articolo precedenteVeronesi Protagonisti 2022: Micaela Quartucci
Articolo successivoVeronesi Protagonisti 2022: Alberto De Togni