Il capitello di Mizzole
Il capitello di Mizzole

Il piccolo affresco del 1767, raffigura l’immagine sacra della Madonna ed è parte integrante del capitello votivo presente all’angolo fra via Danieli e via Fenzo a Mizzole, all’inizio del sentiero 1 dorsale Preafita.

Il capitello di Mizzole
L’interno del capitello

Se nel suo complesso la struttura del capitello si presenta in buono stato di conservazione, l’intera superficie pittorica del dipinto, invece, mostra una patina di sporco depositato nel tempo, che ne offusca la visione generale dell’opera. L’affresco è maggiormente rovinato nella parte inferiore, dove sono evidenti abrasioni e cadute di colore, ben visibili anche agli occhi meno esperti dei cittadini comuni.

Per ridare splendore al piccolo monumento, la signora Alessandra Favotto, questo il nome della cittadina attiva, si è rivolta al Comune per capire come contribuire al restauro del capitello, mantenendone l’identità storica, culturale e territoriale. Il recupero sarà realizzato da una restauratrice professionista, che è stata coinvolta nel progetto e che metterà a disposizione le proprie competenze.

Con la collaborazione degli Uffici tecnici dell’8^ Circoscrizione, la proposta di collaborazione sarà definita nelle prossime settimane attraverso un Patto di sussidiarietà, lo strumento che permette ai cittadini di diventare parte attiva nella cura della propria città.  

«L’impegno dei cittadini attivi del Comune di Verona non smette di stupire – sottolinea l’assessore al Decentramento Marco Padovani –. Continuano a manifestarsi, in un crescendo di disponibilità e di amore per la cosa pubblica, le collaborazioni per la gestione e la presa in cura di tanti spazi e beni comuni. Il restauro di questo capitello è fra le risposte tangibili di questa grande sensibilità, che si concretizza grazie alla disponibilità di una professionista che dona alla comunità passione, competenze e parte del proprio tempo. Un gesto davvero altruistico, che l’Amministrazione non può che ringraziare, in attesa di inaugurare il capitello restaurato».

Articolo precedenteChe passione le valigie!
Articolo successivoAl Film Festival della Lessinia lungo le strade del mondo